Citazioni: Marco Balzano, Resto qui


Citazioni tratte da: Resto qui di Marco Balzano

Non sai niente di me, eppure sai tanto perché sei mia figlia. L’odore della pelle, il calore del fiato, i nervi tesi, te li ho dati io. Dunque ti parlerò come a chi mi ha visto dentro.
Saprei descriverti nei minimi particolari.

Diventa una vertigine, il dolore. Qualcosa di familiare e nello stesso tempo di clandestino, di cui non si parla mai.

Se Dio ci ha fatto gli occhi davanti ci sarà un motivo! È in quella direzione che bisogna guardare, altrimenti li avremmo di lato come i pesci!

Arriva il giorno che se vuoi mantenere la dignità devi ammazzare qualcuno, – disse lasciando cadere un fiammifero.

Con la sofferenza bisogna arrivare fino in fondo, più in fondo di quello che fai tu! – gridò. – Bisogna arrivare al punto di voler dare la vita ai cani perché solo così si può ritrovare la pace! Non lo sai che fare un figlio vuol dire mettere in conto i più grandi dolori? Te lo devo spiegare io che i figli sono un’altra cosa da noi? E comunque almeno tu ne hai avuti, per me invece il tempo è passato e da vecchia nessuno si ricorderà di venirmi a trovare e rimarrò come un’ebete a fissare la fiamma della stufa!

Le parole non potevano niente contro i muri che aveva alzato il silenzio. Parlavano solo di quello che non c’era più. Tanto valeva che non ne rimanesse traccia.

Titolo: Resto qui
Autore: Marco Balzano
Prezzo copertina: € 18.00
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Edizione: 1
Data di Pubblicazione: febbraio 2018
EAN: 9788806237417
ISBN: 8806237411
Pagine: 180

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.