Recensione: Simone Magli – L’ultimo ermetico


Ho avuto modo di apprezzare Simone Magli perché impreziosisce Liba(e)roLibro con i suoi aforismi e le fotografie che li accompagna.
L’ultimo ermetico è una raccolta poetica di Simone Magli e si legge tra le righe tutta la sua fragilità, ma allo stesso tempo anche la grande forza e voglia di rinascita.
L’angoscia il grigiore che avvolge l’esistenza con tutte le sue problematiche è ben marcata, si avverte il malessere interiore dell’autore dove: Parole mute / toccano silenzi fermi / incidendo attimi agonizzanti… nella vita già tremante e che probabilmente tale resterà. Questi primi versi mi hanno catapultato nell’incertezza del vivere che ognuno ha dentro di sé e devo ammettere che ha tratti ho intravvisto il volto del mostro: Vigliacca vita / che mi tortura da dentro.
L’immobilità di una triste vita, dove anche il vento è assente per far prendere il volo all’aquilone quale metafora di esistenza: Stasera non c’è vento / che adotti il mio aquilone; eppure, nella leggerezza del far rivivere il bambino che è in noi uno spiraglio di luce si intravvede: Vestirsi da bambini, / sbeffeggiare ogni cosa. / Giocare poi all’amore.
Un continuo divenire, un discendere nella profondità delle tenebre: S’è fatto grave / il mio silenzio, la paura di non riuscire a riemergere dal buio, Non trovo il modo / di acciuffare la vita, la paura di non riuscire a vivere una vita degna di essere vissuta.
Eppure, è prepotente tra le righe, la voglia di rinascita: Mi butto nel giorno / come un bambino nel mare / la prima volta /, sprazzi di speranza nel nascere del nuovo giorno, trovare il coraggio di rialzarsi oltre le proprie paure, voltarsi indietro per osservare il proprio vissuto osservare la terra arida che è rimasta per andare oltre: mettere un punto, voltare pagina e ricominciare. Rinascere.
Ho chiuso a chiave il mio vuoto /quella sera che mi hai visto volare / sopra la terra dove ho sanguinato.
Ho apprezzato molto la poetica di Magli, perché è un grido di speranza, ho vissuto l’intera opera come la resurrezione di un’Araba Fenice che dalle avversità della propria esistenza trova la forza di ripresa delle proprie ceneri.
In L’ultimo ermetico l’autore crea delle bellissime immagini con metafore attinenti al suo (e non solo, perché molti potrebbero riconoscersi) stato d’animo.
Sono un locandiere: / rimpinzo anime / d’amore.

Titolo: L’ ultimo ermetico
Autore: Simone Magli
Prezzo copertina: € 10.00
Editore:Collezione Letteraria
Data di Pubblicazione:2021
EAN:9788831428316
ISBN:8831428314
Pagine:54

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.