Recensione: Lorenzo Pontani – L’ uomo che cadeva sempre


Un fumetto surreale che non sa bene dove vuole arrivare.
Lorenzo Pontani in L’uomo che cadeva sempre edito Phoenix Publishing, prova a raccontare un “viaggio” (come lui stesso lo definisce) attraverso variopinte tavole, dove si alternano creature di ogni genere ed estrazione sociale.
La storia inizia con un omino bluastro, senza testa, che cade continuamente dal cielo e ogni volta è un’impresa tornare sul suo piccolo pianeta, occupato con forza da Occhio Piumato.
Contemporaneamente c’è il conflitto tra il regnante di una valle imprigionato sulla terra e il guerriero che l’ha imprigionato per ristabilire le sorti del reame.
L’uomo che cadeva sempre è un insieme di tavole policromatiche che mi appaga la vista, ma che purtroppo mi lascia molto titubante; un fumetto che non ha una trama ben definita e questo fa sì che non si comprenda bene cosa l’autore voglia raccontare.
Peccato perché le tavole sono belle, e i disegni ben fatti.

Katia Ciarrocchi
© Redazione Lib(e)roLibro

Titolo: L’ uomo che cadeva sempre
Autore: Lorenzo Pontani
Prezzo copertina: € 15.50
Editore: Phoenix Film Production
Collana: Pegaso
A cura di: G. Testaverde
Illustratore: Pontani L.
Data di Pubblicazione: settembre 2019
EAN: 9788894389692
ISBN: 8894389693

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.