Recensione: Charlotte Link – La palude


Nessuno è quel che sembra
Quale è quella nazione in cui si aggirano insospettabili serial killer, rapitori di donne e di ragazzine, che poi vengono ritrovate inevitabilmente morte nella brughiera, in un’atmosfera umida e appiccicosa, in cui predominano i toni scuri e in cui il sole sembra capitare lì per caso? E’ ovvio, è la Gran Bretagna, con le sue città popolose, ma anche con le sue lande desolate. Ed è proprio in quello stato che si svolge la trama di La palude, un thriller scritto non da un inglese, come tutto lascerebbe supporre, ma da una tedesca, una narratrice specializzata nel genere.
Dopo più di un mese di assenza forzata dalla lettura per un problema clinico (una cataratta secondaria che mi rendeva estremamente difficoltoso mettere a fuoco quanto scritto a stampa su una pagina) ho voluto ricominciare con qualcosa di non impegnativo e appunto La palude si è dimostrata una scelta azzeccata, perché è uno di quei romanzi da leggere lasciandosi andare, senza porsi particolari problemi, ma facendosi avvincere da una trama un po’ lenta nella prima parte, ma poi sempre più coinvolgente. Si inizia con il ritrovamento in una livida brughiera nell’ottobre del 2017  del corpo di Saskia Morris, una ragazzina di quindici anni scomparsa l’anno prima a Scarborough, nello Yorkshire. La vittima non ha subito violenze sessuali e non risulta nemmeno che sia stata assassinata con un’azione violenta, perché è semplicemente, e terribilmente, morta di fame e di sete. Poi scompaiono altre tre ragazze, ma una è ritrovata viva, essendo riuscita a sfuggire a chi l’ha rapita, il che dovrebbe risolvere il problema di trovare il maniaco, ma, per effetto dello choc, la fanciulla non ricorda nulla dei tremendi giorni della sua segregazione.
Nel timore di svelare troppo e quindi di togliere il piacere della lettura ad altri non vado oltre, anche se posso anticipare che, come si conviene in opere del genere, alla fine il bene trionferà sul male, e lo farà non con improvvisazioni, ma seguendo un percorso strettamente logico che porterà il lettore a una soluzione del tutto plausibile. Anche in questo caso c’è un agente di polizia, addirittura di Scotland Yard, Kate Linville, in paese per seguire la vendita della sua vecchia casa che, spacciandosi per giornalista, indaga, pervenendo alla conclusione. L’atmosfera è molto ben realizzata e anche i personaggi sono delineati con attenzione e con la caratteristica che nessuno è in verità quel che sembra, a cominciare appunto da Kate, poliziotta e non giornalista. Il ritmo, blando nella prima parte, assume un’intensità crescente e contribuisce non poco al desiderio del lettore di sapere chi è il serial killer, circostanza che, dato il genere, dovrebbe essere indispensabile, anche se non sempre scontata.
A me è piaciuto, mi ha consentito di trascorrere alcune ore con un crescente appagamento, e quindi credo proprio che la lettura sia consigliabile.

Titolo: La palude
Autore: Charlotte Link
Prezzo copertina: € 19.60
Editore: Corbaccio
Collana: Top Thriller
Traduttore: Petrelli A.
Data di Pubblicazione: gennaio 2019
EAN: 9788867005239
ISBN: 8867005235
Pagine: 490

Charlotte Link é una delle scrittrici tedesche contemporanee più affermate.
Deve la sua fama soprattutto alla sua versatilità: conosciuta inizialmente per i suoi romanzi a sfondo storico, ha avuto molto successo anche con i suoi romanzi psicologici, tanto che ogni suo nuovo libro occupa per mesi i primi posti delle classifiche tedesche.
È pubblicata in Italia da Corbaccio. Tra i titoli: La casa delle sorelle (2002), L’uomo che amava troppo (2004), L’ospite sconosciuto (2005), Un difficile eredità (2007), Giochi d’ombra (2015), La scelta decisiva (2017) e La palude (2019)

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.