Prima visione: Wonder


Recensione film “Wonder” per la regia di Stephen Chbosky

QUALCHE LACRIMA TROPPI CLICHÉ
Massi, succede di piangere, un pochino, e di vergognarsi, perché si vorrebbe frignare liberi in un bel filinone di spazi del cuore e conflitti di famiglia invece che nell’adattamento tirato a lucido, pur ben governati, di un romanzo feuilleton su “quanto è duro essere brutti e deformi in una società di normali ed efficienti, però ci sono mamma e papà, ma che bravi, che bravi!”. Se non è chiaro: nato con una faccia scomposta per una combinazione genica (ce lo spiegano en passent), ali anni Auggie toglie il casco bianco da astronauta e affronta per la prima volta la scuola, i compagni cattivi (ci sono errori di taratura), l’amicizia, l’inserimento, la riscossa. Perché la lacrimuccia, allora? Ma perché tutti abbiamo avuto un sassolino nella scarpa che faceva male. Colpetti bassi.

Silvio Danese

Titolo originale: Wonder
Nazione: U.S.A.
Anno: 2017
Genere: Drammatico
Durata: 113′
Regia: Stephen Chbosky
Cast: Jacob Tremblay, Julia Roberts, Owen Wilson, Izabela Vidovic, Mark Dozlaw, Rukiya Bernard, Jennifer March, Mandy Patinkin, Noah Jupe, Bryce Gheisar

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.