Vogliamo vivere! To be or not to be


IL CAPOLAVORO DI LUBITSCH
Torna la compagnia teatrale di Joseph Tura (Benny e la Lombard) nella satira più riuscita del nazismo in guerra, restaurata e rimasterizzata, ma soprattutto al cinema dopo 70 anni. Quanti sono i film perfetti? Come alcuni titoli di Billy Wilder («A qualcuno piace caldo»,
«L’appartamento»), alcuni di Lubitsch («Angelo», «Mancia competente») sono perfetti. Un meccanismo fatale sorprende, travolge, soddisfa, rilancia. Se mai ci fosse una falla, lo spettatore non la vede, non la sente. Slogan per un marchio da lanciare, il «Lubitsch touch» è vivo: eleganza, mondanità, spirito, charm, ricercata nonchalance e audacia sessuale in uno stile. «Se più persone scoprissero i film di Lubitsch, il mondo sarebbe più felice e ricco di speranza». Parola di Bogdanovich. Immancabile occasione.

Silvio Danese

Titolo originale: To be or not to be
Nazione: U.S.A.
Anno: 1942
Genere: Commedia, Guerra
Durata: 99′
Regia: Ernst Lubitsch
Distribuzione: Teodora Film
Data di uscita: 31 Ottobre 1945 (cinema)
30 Maggio 2013 (cinema)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *