Un amore di angelo di Federica Bosco


Un amore di angelo
pagina 69

Ed era del mio o del suo che aveva più paura? E se anche avessi fatto quello che voleva lei, sarebbe stata felice? E io, lo sarei stata?
L’unica certezza che avevo dalla morte di Pat era che fare progetti non impediva al destino di tagliare il filo il giorno stabilito.
Potevi decidere cosa fare per il resto dei tuoi anni, pianificando eventi nei minimi dettagli dal corso di studi alle vacanze, oppure vivere alla giornata, ma alla fine, l’unica vera differenza l’avrebbe fatta quell’unico minuto prima di andare a letto.
Quel minuto in cui, chiudendo gli occhi, ti saresti sentito sod-disfatto delle tue scelte senza rimpianti o sensi di colpa, in pace con il resto del mondo.
Viceversa, quel nodo allo stomaco fatto di dubbi, rimpianti e paura di deludere chi ti stava accanto, era la certezza inconfutabile di vivere la vita di qualcun altro.
E il passaporto per l’infelicità.
Anche se in realtà non avrei mai voluto diventare così prematuramente saggia.

Mi guardai allo specchio e non potei fare a meno di realizzare quanto fossi cambiata.
I capelli erano sempre scuri e ribelli, la pelle chiara e le lentiggini spruzzate sul viso come una spolverata di cacao, ma era la luce negli occhi a essere diversa.
Una luce di consapevolezza nuova, una luce adulta di cui non mi sentivo affatto padrona.
Il mio corpo stava cambiando e anche la mia anima, ma non ero troppo certa di voler assecondare il processo.
Stava succedendo tutto troppo in fretta.
Stavo crescendo troppo in fretta.
E non volevo.
Sei bellissima Mia.
Sorrisi.
Non mi sentivo bellissima, mi sentivo confusa e sola.

69

Titolo: Un amore di angelo
Editore: Newton Compton
Collana: Anagramma
Data di Pubblicazione: Settembre 2012
Prezzo: € 9.90
ISBN: 8854140910
ISBN-13: 9788854140912
Pagine: 384
Reparto: Narrativa

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *