Cinema: Transformers – L’ultimo cavaliere


Recensione film “Transformers – L’ultimo cavaliere” di Michael Bay

GIOCATTOLI MA KOLOSSAL
Erano giocattoli (1984), sono stati fumetti e animazione (1992), sono diventati kolossal d’azione al cinema (dal 2007), 5 episodi diretti da un asso, bisogna dirlo, anche qui capace del tradizionale mix di eroicomica, ferrigne trasformazioni e tecnologia a palate (questo è il primo film girato in alcune sequenze in Imax 3D nativo). Sembrano auto, camion, moto, ma sono macchine cangianti e senzienti, e ci sono i buoni e i cattivi. Tra la fuga (divertente) degli Autobot guidati dal meccanico Cade (l’infaticabile Wahlberg), un talismano indelebile, una ribellione catastrofica e un Lord con un segreto (Hopkins), sarà difficile per i fan accettare che il condottiero Optimum Prime passi dalla parte del Male-Imperdibile il dinosauro che sputa rottami, metafora d’attualità. Blockbuster dell’estate.

Silvio Danese

Titolo originale: Transformers: The Last Knight
Nazione: U.S.A.
Anno: 2017
Genere: Azione, Fantascienza, Avventura
Durata: 148′
Regia: Michael Bay
Cast: Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock, John Turturro, Stanley Tucci, Josh Duhamel, Isabella Moner, Tyrese Gibson, John Goodman, Ken Watanabe

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *