Tinti Baldini, Flavio Zago – pannALimone


A cura di Renzo Montagnoli

Dolce e aspro
Strana raccolta di poesie, strana anche perché non è frequente che due autori si mettano insieme per scrivere a tema, uno indipendentemente dall’altro o anche congiuntamente.
Peraltro, già il titolo, con cui si coniuga la candida e per lo più dolce panna con il giallo e aspro limone, lascia propendere a un modo diverso di affrontare e svolgere le tematiche, in un contrasto di visioni, acuito dall’asprezza che si accompagna alla quieta e serafica visuale delle cose.
Così, come nel caso dell’amore, alla veemenza di Tinti (Amami ancora / con nocche scarne / e rughe di taglio /…) si contrappone la soavità di Flavio (Per te sarei grano, / per inventarti valle; / mi farei madre / per ambirti figlia, /…).
Questioni di indole, indubbiamente, ma è evidente che panna può essere benissimo Zago, mentre il limone meglio si addice a Tinti. Sarà proprio così? Propendo per il sì, perché, pur non avendo mai letto nulla prima di Flavio, conosco bene la poetica di Baldini, in cui a volte lo sdegno quasi iroso prevale in modo marcato, animando i versi di un impeto travolgente.
Tuttavia, a complicare le cose, figurano anche alcune poesie scritte insieme, in cui l’amalgama fra panna e limone porta a risultati che vanno oltre le aspettative, come in Il tuo mare (Vivi il tuo mare, / possente di creste / schiumate / e fluenti / seriche pieghe, / ornate di suoni / struscianti / e sferzate / su rive d’attese / in granelli di credo /…). Ecco così che l’aspro si stempera, pur senza perdere il suo originario gusto, così come il delicato si irrobustisce, conservando comunque la sua indole caratteristica.
E’ evidente che questa esperienza di scrittura e di pubblicazione, tutta tesa ai contrasti, può far perdere di vista l’analisi indipendente, autonoma di ogni singolo testo, e questo è da evitare, proprio per assaporare il gusto pieno, che sia aspro o che sia dolce, portato dai versi, liberi, anzi sciolti, tesi al risultato di evidenziare il messaggio, pur senza scadere nella banalità o comunque nella quotidianità dell’espressione (In questa notte / solitaria di suoni / canta tu solo / al mio orecchio / canta in ardente fuoco. / …) (… Anche la stanza canta / all’unisono / col nostro fiato / si strugge, / confonde, ci cinge / e / incanta.).
Da leggere, con calma e attenzione.

pannALimoneTitolo: pannALimone
Autori: Tinti Baldini, Flavio Zago
Note critiche introduttive
di Marcello Plavier e Maria Cristina Vergnasco
Autorinediti
Poesia
Pagg. 102
ISBN 978-88-96680-36-0
Prezzo € 10,00

Tinti Baldini
Di origine langarola,insegnante in pensione, due figli e due nipotine, già nel percorso di docente, nei laboratori di scrittura creativa, con i ragazzi ho cominciato a buttare giù emozioni e le è diventato indispensabile,fa parte di lei. Ha pubblicato una silloge “Segni”con Altromondo editore e molte poesie sono su blog di amici cari. Nella raccolta”Panna al limone”si è cimentata a specchiarsi in un altro e al riguardo ha dichiarato che è stata una esperienza molto stimolante.

Flavio Zago
Di sé dichiara che scrive da sempre, non seguendo stili ma concedendosi al momento.
Ama la semplicità e questo ricerca nelle sue composizioni, che ha iniziato a far conoscere nel 2002, pubblicandole sul sito Internet “Poetare” e successivamente sul suo blog Cantiere Poesia.

Renzo MontagnoliSito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *