TAYLOR McFERRIN – Early Riser


A cura di Giuseppe Maggioli

TAYLOR McFERRIN – Early Riser – (Brainfeeder).
Talentuoso e figlio d’arte ( il padre è l’immenso cantante soul/jazz/pop, Bobby McFerrin) torna in studio dopo una serie di tour nei circoli low profile di New York per immergersi in questo cangiante album di elettronica-soul e jazz moderno. Per realizzare uno dei pregevoli cd di questa calda estate, taylor McFerrin si avvale della presenza di illustri ospiti cdome Robert Glasper, Nai Palm, Emily king e ovviamente il delicato scat di Bobby Mcferrin. Il lavoro ci appare come un crossover estetizzante di black music, drum’n’bass jazzy e 2step. Magistralmente suonato sia da strumenti digitali che da ritmiche fisiche, analogiche ( le bellissime Stepps, Florasia e Place in my Heart) sullo stile dei The Roots o Adam F. Ecco, il punto è questo. Early Riser è superlativo pieno di “bozzetti elettronici” modernissimi e compiacenti, con all’orizonte un determinato (sound) che caratterizza il personaggio in questione. Ma, suona vecchio…. si suona un pò datato. E’ musica che andava per la maggiore nel periodo (’98-2002) dove inperversava il trip-hop, il drum ‘n’bass jazzato, il downbeat e tutte quelle cose succolente in bilico tra avanguardia da dance floor e pezzi jungle mobidissimi (James Hardway, Speedy j e così via). Ma ora, se pur affascinante ci sembra un’opera da dinosauri! Da rivedere.

Giuseppe Maggioli


Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *