In libreria: Storia di un numero di Davide Rossi


Comunicato stampa

In libreria il romanzo “Storia di un numero”
Un’opera dalla mille facce e dalla lettura multipla quella edita da Rossini Editore e scritta da Davide Rossi, dal titolo “Storia di un numero”. Un libro contemporaneo, che tratta un tema più che mai attuale e tremendo: l’emigrazione. Scritto con la tecnica del “cut up”, il testo vive la nascita e la maturazione di un’idea, e degli ideali, che conducono alla consapevolezza di un essere umano, determinato a osare, nonostante rischi e pericoli.
Ambientato in uno stato africano, mai nominato dallo scrittore, il romanzo racconta le vicende di un ragazzo, dalla sua infanzia fino all’età post adolescenziale, in cui la scelta della partenza sembra l’unica soluzione, visto l’ambiente che lo circonda. Da qui si snoderà un viaggio che lo porterà ad attraversare tutto il continente nero, fra amore e scene di tarantiniana memoria, amicizia e terrorismo, con un unico obbiettivo: il continente europeo, l’Italia.
Il romanzo riprende il filone dell’esistenza, già trattato dal primo scritto di Davide Rossi “E alla fine c’è la vita”, ma se in quel caso c’erano degli studenti alle prese con la crescita, il futuro e l’amore, in cui droga, alcool, sesso ed eccessi la facevano da padroni, qui la sopravvivenza e l’istinto di conservazione, oltre che la conoscenza, accompagnano il protagonista lungo tutto il percorso.
Consultabile sul sito dell’editore: https://santellionline.it/products/storia-di-un-numero?_pos=1&_sid=950010e66&_ss=r

Titolo: Storia di un numero
Autore: Davide Rossi
Genere: Romanzo
Editore: Rossini
Data uscita: 11/01/2021
EAN: 9788831469814
Pagine: 219
Formato: 14 x 21, brossura
Lingua: Italiano
Prezzo: 13,99

Sinossi
Un numero non è fine a se stesso: ha un’esistenza, una storia, un inizio e una fine. Un numero può essere umano, vivere e morire.
In una contemporaneità corrosa dalla malavita e dall’opportunismo, Kenny nasce in un piccolo stato africano, flagellato dalla povertà, messo in ginocchio dalla corruzione, dimenticato e disprezzato dagli stessi esseri viventi. Condizioni disperate per chiunque abbia un minimo di misericordia per se stesso, difficilmente sopportabile per la sua natura estrema che si impone nella quotidianità sugli esseri viventi.
La sua infanzia la trascorre a osservare il mondo che gli ruota intorno, che ansima, grida, muore, violento e insensato. Lui scruta, annota, studia e prova a conformarsi, ad adeguarsi alla realtà, che cruda e violenta si manifesta, investendolo senza freni: la sparizione del padre, il trasloco in un’altra zona, la morte della adorata zia, la presunta anormalità. A confortarlo e a salvarlo dalla solitudine c’è lo studio, i pensieri, vivaci e senza limiti, la curiosità verso l’ignoto e la natura.
Camaleonte decide di adattarsi, di vivere secondo i canoni imposti senza rischiare, coltivando un’irrazionale voglia di responsabilità. Ciò non lo salva dai suoi simili, spietati e potenti, che lo costringono a scappare via dalla sua terra, verso un ignoto chiamato Europa.
Un viaggio lungo e pericoloso, attraverso posti incantevoli abitati da personaggi senza scrupoli, poveri diavoli, disperati, dalla sopravvivenza e dalla morte.
Storie di tanti numeri uniti nella speranza di una resurrezione e dall’infame destino di rappresentare solo delle anonime cifre. Un percorso lungo, attraverso deserto e mare, prigionia e amore, fra carcasse umane e di civiltà.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.