Se ne va! 1


poesia1

Se ne va! di Serenella Menichetti

Un altro passo ancora
il trecentosessantacinquesimo
l’ultimo della sua vita.
Poi come tutti, cade
nel dirupo della storia
Dimenticato ? Non proprio.
Certo non è più presente:
Era! Fu !

Per comodità frazioni il percorso del tuo tempo.
Filo infinito della vita.
Unità troppo lunga da lasciare intera
Rischieresti di non trovare più la coda.
Troppo grosso a farne un gomitolo.
Una palla enorme!

La lancetta dell’orologio sulla tua parete
corre da un’ora all’altra.
Ogni mattina strappi i giorni vecchi
senza conservarne alcuno.
Li butti nel cestino della carta straccia.

Vorresti fare la raccolta differenziata:
-Datemi un bidone d’oro per il mio tempo!-
Magari vorresti conservarlo
per riusarlo quando non ne hai più.
Mi dispiace deluderti
-Non si può!-
La legge non lo permette!

Mentre pensi, un ticchettio di passi
ti spinge nei tuoi domani.
Sono i passi del tuo tempo
che percorre la tua vita
Non stare ferma a guardarlo passare
ti appartiene!
Cogli ogni suo attimo
succhiane la polpa come da un acino d’uva
poi, ricordati di sputare la buccia.

Serenella Menichetti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Se ne va!

  • Enzo Maria Lombardo

    E’vero: per “comodità” frazioniamo il percorso del tempo. Una funzione fisicamente inesistente. E per comodità, incuria o pigrizia restiamo spesso fermi a guardare “il filo infinito della vita”, che, se ci pensiamo, infinito non è.