Pudore


poesia1

Pudore
di Maria Grazia Armone

Pudore, vergogna,
disagio, riserbo, verecondia,
riservatezza, modestia,
dignità.
Smarrite nel mare inquinato
dalle ipocrisie, naufragano
insieme ad altri desueti
valori.
Annegano nelle
Sabbie mobili lei mie
parole in un mondo
che ogni giorno
crea mostri.
Sono sicuri, sereni,
tracotanti, infidi, bugiardi.
Pronti a pestare le mani
a chi arranca dentro un fosso.
Mostri che si scannano
per succhiarci
il midollo dall’osso.
Tollerare le vostre menzogne
più non posso, tacete
e smettete di parlarvi
addosso.

Maria Grazia Armone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *