Progetto Teatro e Salute Mentale presenta: Un libro, un film


XIII Settimana della salute mentale
organizzato da Centro di Storia della Psichiatria San Lazzaro, AUSL di Reggio Emilia
Comune di Reggio Emilia
Sabato 29 settembre dalle ore 17.30
presso il Cinema Cristallo
[Piazza Vallisneri 1Reggio Emilia]

Progetto Teatro e Salute Mentale
Un libro, un film
ore 17.30 presentazione del libro A TEATRO. IN COMPAGNIA a cura di Bruna Zani
l’autrice sarà presente insieme allo psichiatra Lucio Pederzoli
ore 18.30 proiezione del documentario LA VITA NON SA DI NOMI di Andreina Garella e Giovanna Poldi Allai

Nell’ambito della XIII Settimana della salute mentale a Reggio Emilia, sabato 29 settembre al Cinema Cristallo, in Piazza Vallisneri, si svolgerà “Un libro, un film” per raccontare con parole e immagini il Progetto di Teatro e Salute Mentale curato a Reggio Emilia da Festina Lente Teatro in collaborazione con AUSL Dipartimento di Salute Mentale e Fondazione I TEATRI.
Alle ore 17.30 sarà presentato il libro A TEATRO. IN COMPAGNIA alla presenza della curatrice Bruna Zani insieme allo psichiatra Lucio Pederzoli. Alle ore 18.30 seguirà la proiezione del film documentario LA VITA NON SA DI NOMI di Andreina Garella e Giovanna Poldi Allai, che racconta il progetto di teatro e salute mentale che dal 2001 Festina Lente svolge con una compagnia di attori fuori dagli schemi.
Il libro A TEATRO. IN COMPAGNIA (2017, Edizioni Pendragon) descrive lo sviluppo di un movimento unico in Italia (e per dimensioni probabilmente unico al mondo) costituito da progetti locali tra loro molto diversi, sorti spontaneamente all’interno o su impulso dei dipartimenti di salute mentale nella Regione Emilia-Romagna. A ciascuna delle tre esperienze maggiori (Arte e Salute di Bologna, 17 Dirigibile di Forlì e Festina Lente Teatro di Reggio Emilia) è dedicato un capitolo nel quale vengono efficacemente messe in luce le caratteristiche del progetto, lo snodarsi della storia, le finalità e le metodologie adottate, le realizzazioni ed anche i limiti riscontrati. A cosa serve fare teatro per chi ha problemi di salute mentale? È utile? Cambia le sorti dell’utente? Che riscontro offre agli operatori sanitari? Cambia il modo di operare dei servizi? E che cosa offre agli operatori teatrali? A queste domande, ricorrenti nella storia dei servizi degli ultimi vent’anni, risponde la seconda parte del libro. Si tratta di una sintesi di tre distinte indagini scientifiche condotte a partire dal 2014 sui partecipanti alle esperienze delle tre compagnie sopra riportate. Un libro che segna una tappa importante nella storia del movimento dei Teatri della Salute Mentale e che apre la strada ad ulteriori e più sofisticate indagini sui meccanismi di generazione della salute attraverso le arti.
Il film documentario “La vita non sa di nomi” di Andreina Garella e Giovanna Poldi Allai, una produzione Festina Lente Teatro e Giovanna Poldi Allai, realizzata con il contributo di Azienda USL di Reggio Emilia e grazie al finanziamento collettivo BeCrowdy, nasce dall’incontro tra le due registe per raccogliere la memoria di un’esperienza teatrale e umana unica. Un documentario surreale e poetico che racconta il progetto teatrale che dal 2002 a Reggio Emilia coinvolge un gruppo di persone con fragilità e disagio psichico seguite dal Dipartimento di Salute Mentale della Sanità Pubblica, alcuni operatori sanitari e i cittadini vogliosi di partecipare. Una realtà artistica nata dal disagio e dall’esclusione, una compagnia fuori dall’ordinario, in grado di emozionare e interrogare gli spettatori.
Cosa significa andare in scena sul palcoscenico della vita? È la domanda a cui tutti i protagonisti tentano di dare una risposta. Le più diverse individualità sono valorizzate e ognuno trova le sue ragioni e i suoi modi per esserci e per partecipare con determinazione e con coraggio sgretolando lo stigma, etichetta troppo sbrigativa che viene appiccicata a chi è diverso. La Compagnia mostra la sua fragilità, senza vergogna, mostra altri modi di stare al mondo. Dove sta la follia? E la ragione? Regista e attori sono troppo impegnati in corse pazze, nel lanciare mazzi di fiori, nel rubarsi la corona dalla testa, nel recitare ricette di cucina e nell’interrogarsi su vertiginose questioni filosofiche, per farci annoiare in inutili classificazioni e graduatorie.
Abbiamo scelto di intrecciare diversi livelli narrativi, per questo il film è molto caratterizzato dal montaggio. Ci sono i ritratti degli attori, possiamo sentire le loro riflessioni ma nell’immagine essi tacciono e guardano lo spettatore, sui loro visi possiamo leggere le emozioni e i pensieri che li attraversano, espressioni del volto in dialogo con le parole che vengono dette.
Abbiamo utilizzato il materiale d’archivio di alcuni spettacoli, che non viene utilizzato però come un archivio classico, cioè come prova documentaria, ma alcuni brani di spettacoli sono stati inseriti nel montaggio come puri, colorati, luminosi frammenti di teatro, su sfondo nero.
Abbiamo scelto come riferimento estetico il cinema delle origini, per la semplicità delle inquadrature, l’assenza di movimenti di macchina e l’ingenuità giocosa dei trucchi. Abbiamo utilizzato tutti questi aspetti dell’antico artigianato cinematografico, tanto in alcune scene girate in teatro quanto in quelle girate nella piazza e anche in occasione dei ritratti.
Tutto questo a quarant’anni dalla legge Basaglia.

La vita non sa di nomi
regia Andreina Garella e Giovanna Poldi Allai
produzione Festina Lente Teatro e Giovanna Poldi Allai
con il contributo di Azienda USL di Reggio Emilia
finanziamento collettivo BeCrowdy

con Stefano Barbieri, Luciano Bertazzoni, Elena Beltrami, Iside Bersanetti, Lorena Bianchini, Simona Brighenti, Sabrina Carlini, Maria Grazia Caviglia, Carmine Cirillo, Marco Cavalli, Giovanni Coli, Sandra Copellotti, Anna Cusi, Roberto Dote, Enrico Franchi, Marzia Ferrari, Valeria Ferrari, Elia Ferri, Bruna Fogola, Andreina Garella, Luciana Giuliani, Giampaolo Gualtieri, Caterina Iembo, Linda Iori, Maurizio Lo Bianco, Elena Manenti, Patrizia Marcuccio, Stefano Marzi, Monica Palmiani, Lucio Pederzoli, Antonia Prandi, Lorenzo Solci, Consuelo Tamburrino, Massimo Torri, Eugenio Veresani, Aurelio Vergai
musiche della Banda di Quartiere diretta da Emanuele Reverberi

Durata 45 minuti
Link video https://vimeo.com/giovannapoldiallai

Andreina Garella, regista di Festina Lente Teatro, propone un teatro attento alla società, indicatore di eventi e cambiamenti che modificano il modo di essere, un teatro in cui impegno artistico e impegno civile permettono di non sfuggire dalla responsabilità del presente. La necessità del fare teatro è l’urgenza del dire, per creare relazioni, scambi, incontri, per resistere, difenderci da un mondo che spesso ci spaventa e spesso non riconosciamo. È un teatro “difficile”, che fa drammaturgia con i racconti di donne migranti, con le visioni poetiche dei matti, con le storie di donne indigene, con i disagi, con i razzismi e le discriminazioni. Raccoglie nella grande discarica dei valori ciò che quotidianamente viene dispensato dalle relazioni tra gli uomini, fino ad entrare nell’animo dello spettatore attraverso i difetti di fusione del suo sentire.

Giovanna Poldi Allai è una regista, documentarista, filmmaker. Ha iniziato il suo lavoro vent’anni fa durante le guerre nella ex Jugoslavia; ama mettere il suo sguardo a disposizione di comunità, associazioni, realtà, individui che hanno un’esperienza da raccontare, un sogno da difendere, un’idea da portare avanti. I pastori dell’Appennino, gli omeopati berlinesi, i rifugiati in accoglienza a Parma, il progetto Teatro e Salute Mentale a Reggio Emilia: sono al centro di storie che le stanno a cuore.

Per contatti: Festina Lente Teatro
Tel. 349.5243604
www.teatrofestinalente.blogspot.cominfo@festinalenteteatro.it
FB https://www.facebook.com/FestinaLenteTeatro/?fref=ts

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.