Premio “Cucin’Arti in Versi”


cucinartiversiIl concorso di poesia nasce dalla sinergia di tre realtà culturali italiane: l’associazione LA SCATOLA DI LATTA, il LABORATORIO ECOMUSEALE (LEB) di Botrugno (LE) e il blog artistico culturale IN PAROLE SEMPLICI. L’associazione di promozione sociale LA SCATOLA DI LATTA promuove iniziative di “CulTurismo Ambientale e Sociale”. Il Laboratorio Ecomuseale Botrugno (LEB), ente gestore dell’ECOMUSEO URBANO BOTRUGNO, dal 2007 si occupa di rinsaldare il legame storico-culturale tra passato e presente attraverso la sperimentazione di “buone pratiche” per la tutela e la valorizzazione della “coscienza del luogo”. L’obiettivo è quello di promuovere processi educativi di conoscenza e valorizzazione del patrimonio di Botrugno e delle comunità salentine vicine, di custodire e promuovere i beni culturali, materiali ed immateriali, visibili ed invisibili. Il blog artistico culturale IN PAROLE SEMPLICI (www.inparolesemplici.wordpress.com), dal 2009, custodisce poesie, pensieri, ricordi, musiche, illustrabocchi e semplici storie di oltre 300 autori da tutto il mondo e promuove iniziative culturali ed artistiche.

I edizione del premio internazionale di cucin poesia
“Cucin’Arti in Versi”

REGOLAMENTO
Il premio si articola in un’unica sezione:
Poesia: (massimo 50 versi) componimento liberamente ispirato alle frasi del libro “Il pane di ieri” di Enzo Bianchi (Einaudi, 2009) riportate di seguito:
“Mia madre deponeva sul tavolo ogni mattina una grìssia del ‘pane di ieri’, un fiasco di vino, un orciolo di olio e una saliera, tutto ricoperto da un tovagliolo da lei ricamato con la scritta: ‘l’olio, il pane, il vino e il sale siano lezione e consolazione”.
“E in tutto questo impariamo che la nostra fame non è solo di pane ma anche di parole che escano dalla bocca dell’altro: abbiamo bisogno che il pane venga noi spezzato e offerto a un altro, che un altro ci offra a sua volta il pane, che insieme possiamo consumarlo e gioire, abbiamo sopratutto bisogno che un Altro ci dica che vuole che noi viviamo, che vuole non la nostra morte, ma al contrario, salvarci dalla morte.”
“La cucina e la tavola sono l’epifania dei rapporti e della comunione. Del resto, il cibo è come la sessualità: o è parlato oppure è aggressività, consumismo; o è contemplato e ordinato oppure è animalesco; o è esercizio in cui si tiene conto degli altri oppure è
cosificato e svilito; o è trasfigurato in modo estatico oppure è condannato alla monotonia e alla banalità.”
Alimentarsi è un’azione naturale e materiale di tutti gli organismi viventi, che li mette in relazione con l’ambiente che li circonda. L’uomo, oltre a raccogliere il nutrimento, lo trasforma, e gli assegna un significato sociale e culturale: il cibo è dunque cultura. Tra cibo e parola esiste una stretta relazione: cibo come prodotto della terra, come prodotto della trasformazione,
come elaborazione della materia;
cibo come elaborazione gastronomica, creazione fantasiosa di pietanze;
cibo come occasione di socializzazione, di convivio, di scambio culturale;
cibo come conoscenza delle tradizioni alimentari in quanto elementi culturali ed etnici.

L’elaborato potrà essere composto in lingua italiana, lingua straniera o in dialetto (vernacolo) purché accompagnato da una traduzione italiana.

I componimenti dovranno essere redatti in formato WORD o OPEN OFFICE, carattere Times New Roman – dimensione 12.
La partecipazione al concorso è gratuita e senza limiti di età. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 20 luglio 2014 al seguente indirizzo di posta elettronica premiocucinarti@gmail.com con indicato nell’oggetto della mail “Premio Cucinarti”.
All’interno della mail dovranno essere specificati i seguenti dati:
Nome, Cognome; Indirizzo; Città; Provincia; C.A.P; Età; Telefono; E-Mail.
e dovrà essere riportata la seguente dichiarazione:
Dichiaro che il componimento (“inserire titolo”) è mia opera originale inedita e mai premiata. Acconsento alla sua eventuale pubblicazione o presentazione in pubblico e alla utilizzazione dei miei dati personali a norma di legge. In caso della mia presenza alla giornata di premiazione mi impegno a partecipare al laboratorio a km0.

Una giuria di esperti valuterà i componimenti decretando le prime dieci opere classificate. Saranno premiati i primi tre classificati e segnalate le altre opere. Ai tre premiati e agli accompagnatori (uno per ogni premiato) verrà offerta ospitalità per un weekend a Botrugno (LE).
I primi 10 classificati saranno omaggiati con prodotti enogastronomici salentini.
I premi verranno consegnati soltanto a chi presenzierà all’evento.

Tutte le opere candidate al concorso verranno pubblicate sul blog artistico-culturale IN PAROLE SEMPLICI. Scatola di latta virtuaculturale
La premiazione si svolgerà il 30 agosto 2014 presso la chiesetta di Santo Solomo a Botrugno (Le). Gli esiti del premio saranno comunicati entro la seconda settimana di agosto 2014.
Tutti i poeti partecipanti sono invitati a prender parte alla seconda edizione di “CUCIN‘ARTI’ il laboratorio a km 0 sulla tradizione culinaria salentina che si svolgerà durante la giornata di premiazione.
Il laboratorio a km 0, si inserisce all’interno di un ottica più ampia di cooperazione nella valorizzazione e nella promozione del territorio e delle sue tradizioni popolari, i poeti saranno guidati alla preparazione guidata di piatti tipici locali, con lo scopo di far conoscere le metodologie e i processi di preparazione e conservazione di cibi tradizionali popolari come fichi secchi, conserve della nonna, pasta “fatta in casa”, ecc.
Ogni poeta avrà a disposizione una postazione con tutto il materiale necessario per seguire i consigli degli esperti e una proiezione faciliterà le procedure di apprendimento e messa in atto delle varie fasi. Inoltre, il laboratorio sarà rivolto a chiunque avesse voglia di entrare in contatto con la tradizione culinaria salentina riscoprendone segreti e tipicità che solo il diretto contatto con figure esperte locali può offrire…perchè “ogni uomo è ciò che mangia”. (L. Feuerbach)
Per informazioni sul bando del concorso:
https://parolesemplici.wordpress.com
inparolesemplici@gmail.com
+39 3395920051 (dalle ore 18 alle ore 21) Gianluca Palma
Per informazioni logistiche e accoglienza turistica:
+39 3803523027 Adriano Negro laboratorioecomuseale.botrugno@facebook.com

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *