Pinelli. Una finestra sulla strage di Camilla Cederna


Pinelli. Una finestra sulla strage
pagina 69

allora lo sguardo torna alla finestra che ora è spalancata. Inquadrate al centro nel vuoto le suole di Pinelli, imprigionati e impotenti dietro le ante i due angeli custodi, allora il tenente dei carabinieri grida subito: “Si è buttato, si è buttato!” e lo comunica a Calabresi e ad Allegra che accorrono concitati; si dirige all’ascensore, ma poiché l’ascensore non arriva, “subito lasciai l’ascensore e andai giù con le scale, dal quarto piano.”
Mentre nella sua prima versione, nell’interrogatorio reso a Caizzi all’indomani della caduta, Lo Grano vede Pinelli che salta e un brigadiere che tenta di acchiapparlo; e tutti gli altri affermano che solo un battente risulta aperto e quell’altro è chiuso, anzi c’è la maniglia che lo assicura. Allora disse precisamente: “All’improvviso ho notato il Pinelli scattare verso la finestra, e dopo averla aperta, saltare oltre la ringhiera. Ho visto nello stesso istante il sottufficiale che era vicino al termosifone slanciarsi addosso al Pinelli e sporgersi pericolosamente oltre alla ringhiera dopo che era riuscito quasi ad afferrare le gambe del Pinelli.”
Adesso va avanti a raccontare la sua visita all’ospedale, dove Pinelli stava morendo, e, benché laureando in fisica, non riesce a dire quello che gli stavano facendo, annaspa un po’ per decidersi a dire ” tracheometria. ” Un’altra sua strana ammissione è infine quella che fa dopo la corsa in cortile dove raccoglie le ultime parole di Pinelli (“Ahi che dolore! ” o qualcosa di simile), dove cerca di tirarlo su ma lo lascia ricadere per tornarsene al quarto piano. Quando l’avvocato Gentili infatti gli chiede se può descrivere la posizione del corpo, dice che proprio non può farlo, e alla domanda: “era bocconi o supino?” risponde che non è in grado di dire neanche questo.
Sconvolgente anche una delle reazioni di Calabresi sempre nella stessa notte. A sentir lui, che torna sulla pedana, non vede cadere Pinelli, e son cinque minuti che sta parlando con Allegra quando dalla stanza sente venire “un trambusto, un tonfo, un grido,” mentre i sottufficiali cor¬rono come pazzi nel corridoio: “Si è buttato!” urlando a gran voce.

69

Titolo: Pinelli. Una finestra sulla strage
Autore: Camilla Cederna
Editore: Il Saggiatore Tascabili
Collana: Saggi
Prezzo: € 9.50
Data di Pubblicazione: Novembre 2009
ISBN: 8856501538
ISBN-13: 9788856501537
Pagine: 153
Reparto: Politica e società > Politica > Fenomeni terroristici > Attacchi terroristici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *