Pasquale Incoronato – Parola e Passione


A cura di Renzo Montagnoli

Ho sempre pensato che il messaggio del Cristo sia stato soprattutto filosofico, quasi politico, mentre l’aspetto religioso, se pur primario, abbia rappresentato una funzione di supporto all’idea rivoluzionaria portata duemila anni fa.
Mi sono anche chiesto spesso perché questo è accaduto solo venti secoli fa, perché non prima, o non dopo. L’unica risposta logica che ho potuto trovare è stata che in quell’epoca, di straordinaria potenza dell’impero romano, l’uomo aveva bisogno di comprendere come doveva essere la vera vita. I principi di uguaglianza, di solidarietà, di amore per il prossimo sono quanto più  di grande sia mai stato detto, un’indicazione per un percorso di un’umanità che potesse considerarsi tale. E’ inutile credere nella religione cristiana se poi non si applica ogni giorno, per intima e ferma convinzione, quel messaggio, e invece con il tempo è rimasta la struttura religiosa, una sorta di burocratizzazione del pensiero che ne ha svilito i contenuti.
E’ cosa di tutti i giorni notare come nel nostro paese (mi riferisco solo all’Italia per esperienza diretta) il cristiano lo sia quasi sempre di nome e non di fatto. In poco tempo si è perso quel concetto di vita che, se pur in buon parte inapplicato, poteva lasciar sperare in un futuro meno indegno di essere vissuto.
E’ quindi con piacere che leggo le omelie di Padre Pasquale Incoronato, raccolte in questo libro dal titolo altamente significativo (Parola e Passione).
In particolare, riporto un passo di quella di domenica 7 ottobre 2007, perché spiega in modo lampante ciò che ho inteso dire fino a ora.
“ Dobbiamo comprendere che con Dio non vale un rapporto matematico, del tipo << Sonc’ juto a messa tutte ‘e dumméneche, aggio fatto ‘e preghierine, aggio dat’ pure ‘e sordi a Padre Pasquale pe’ costruì ’a tenda ‘a proposito chest’ è importante…” aggio fatto ‘o volontariato, aggio recitato ‘o rosario tutt’  ‘e juorni; Mo Signò: facimmo ‘e cunti!>>.
Nella fede non è così; la vera fede è dire: << Signore, mi abbandono nelle tue mani perché il giusto vivrà per sempre e il cattivo soccomberà….>>”
O come quella del 24 febbraio del 2008 sulla sete e sulla privatizzazione dell’acqua, un bene che dovrebbe essere di tutti e perciò gratuito, un sopruso praticato nella generale indifferenza, che è il vero problema.
“ Oggi non c’è passione per una città mal governata, per un Paese mal governato, dove non c’è niente, né futuro, né speranza, solo la cocaina e basta!…”
Di grandissimo valore è poi l’omelia dell’ 8 giugno 2008:
“ Dopo 2000 anni anche il cristianesimo si è trasformato in religione: la gente viene in chiesa per il battesimo, per il matrimonio, per i funerali, per la cresima…”
Insomma, la religione piano piano ha perso la fede.
Padre Pasquale Incoronato deve essere un uomo di grande spiritualità, un umile che non strepita, non travolge, ma comunica, sia con le parole che con il comportamento. Vive in questo XXI Secolo, così traboccante di nulla e senza speranze, eppure lui sembra nato duemila anni fa, pare aver ascoltato il messaggio di un giovane nativo di Betlemme che rischiarò il buio dell’umanità come una meteora, una luce rimasta viva nel suo pensiero.

Pasquale Incoronato è parroco della Parrocchia Santa Maria del Pilar in Ercolano e si occupa anche del recupero sociale, familiare e personale di minori definiti “ a rischio “.
E’ docente Universitario presso la Pontificia Università Teologica Italia Meridionale, dottorato in Teologia e Pastorale.

Titolo: Parola e passione
Autore: Pasquale Incoronato
Editore: Dissensi
Prezzo: € 11.00
Data di Pubblicazione: Maggio 2009
ISBN: 8889841842
ISBN-13: 9788889841846
Pagine: 176
Reparto: Religione > Cristianesimo > Spiritualità

Renzo MontagnoliSito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *