Paolo Maggiolo – Adversaria. Frammenti d’autore


A cura di Renzo Montagnoli

Devo dire che da un po’ di tempo le Edizioni Solfanelli danno alla luce alcuni libri insoliti, che non si possono classificare né di narrativa, né tantomeno di saggistica, almeno in senso stretto. Era già successo con Fregati dalla storia e ora capita con questo Adversaria che, aperto senza prima leggere l’introduzione dell’autore, può lasciare perplessi, se non addirittura confusi.
Ma cosa si è prefisso Paolo Maggiolo con questo volume? Lo spiega lui stesso così “ Perché mai Adversaria? Perché questa raccolta di brevi citazioni, che vede la luce nel quarantesimo anniversario della poco “formidabile” esperienza del Sessantotto, vuol esser prevalentemente di parte. Vuol prendere di mira, in poche parole, i luoghi comuni della sinistra, i suoi miti diffusi, le sue verità scomode, il suo finto progressismo, la sua grigia casacca conformista.”
Ora, considerato che la sinistra non è un corpo unico, come non lo è la destra, il prendere di mira il comunismo, ora che si è autoestinto, presta il fianco a critiche più o meno ampie, proprio per quel termine di sinistra che viene identificato con un unico credo politico ormai defunto. C’è questo limite, quindi, nell’opera che di per sé presenta motivi d’interesse, anche se l’autore sembra dimenticare che non esiste più una concezione di destra e di sinistra, come invece era presente nello scorso secolo. Secondo me, meglio avrebbe fatto smitizzando certe diffuse convinzioni, del tutto fallaci, che sono ormai dominanti nell’attuale società, indipendentemente da una loro connotazione politica, visto che interessano sia la destra che la sinistra.
Ciò premesso, al di là di quella che può essere l’ideologia politica del lettore, nel libro si trovano citazioni alle quali non si può negare un’effettiva valenza e di queste di seguito ne riporto alcune.

ASSEMBLEE

L’ignoranza, infarcita di noia, è il pane delle assemblee.
Léon Daudet (1867-1942), Melancholia, trad. Marina Russo. Novecento, Palermo 1989, p. 202

BASSA LEGA

Vogliono farci credere, i nostri politici, di essere i titani della seconda Repubblica. Sono le lavandaie di un Palazzo in decadenza, gli inquilini di una torre che non è di Babele solo perché la confusione delle lingue è stata sostituita dal groviglio degli insulti.

Mattias Mainiero (1955), Scritti  pirati, Sovera, Roma 1999, p. 22

LETTERATURA / LETTERATI

Dove c’è una letteratura viva e superstite è perché vi sono grandi idee.

Paolo VI, papa (1897-1978), La ricerca dell’invisibile nel visibile , in Carità intellettuale, a cura di G.M. Vian, BSV, Milano 2005, p. 80

TELEVISIONE

La televisione è la fatalità, voglio dire la catastrofe del nostro tempo.

Emile M. Cioran (1911-1995), Lettera a Mario Andrea Rigoni, da Parigi, 21 aprile 1987, in E.M. Cioran, Mon cher ami. Lettere a Mario Andrea Rigoni (1977-1990), Il notes magico, Padova 2007, p. 95.

Non vado oltre, anche se sono presenti altre citazioni interessanti.
In pratica si tratta di opinioni, frutto di riflessioni, e quindi assumono le caratteristiche degli aforismi.
E’ un libro che val la pena di leggere perché appunto induce a pensare, ferma restando la pregiudiziale che l’autore è di parte e che il bersaglio ormai non esiste più.

Titolo: Adversaria. Frammenti d’autore
Autore: Paolo Maggiolo
Editore: Solfanelli
Collana: Il calamo & la ferula
Prezzo: € 10.00
Data di Pubblicazione: 2009
ISBN: 8889756578
ISBN-13: 9788889756577
Pagine: 192
Reparto: Narrativa > Narrativa classica

Nato a Padova nel 1957, Paolo Maggiolo esercita da alcuni anni la professione di bibliotecario.
I suoi interessi, principalmente rivolti alla storia culturale della sua città, lo portano a collaborare a riviste, volumi e iniziative di carattere locale.
Si è occupato, in questi ultimi anni, anche dell’opera e della biografia di un poeta e viaggiatore irlandese dell’Ottocento, James Henry (1798-1876) di Dublino, sul quale ha pubblicato una serie di contributi in periodici italiani.

Renzo Montagnoli – Sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *