ORRIN EVANS – Liberation blues


A cura di Giuseppe Maggioli

ORRIN EVANS – Liberation blues – (Smoke Sessions).
Ancora una volta ci sorprendiamo davanti al nuovo sontuoso lavoro di Orrin Evans. Pianista jazz di eccezionale bravura ci aveva sorpreso positivamente nel 2002 (Meant to Shine) con un cd denso di atmosfere afroamericane da urlo, codificate da un gusto per la musica cool e melodie ‘urban’. Liberation Blues è un convincimento più profondo di quel linguaggio nero che alberga in molti suoi lavori. Jazz moderno suonato con un appeal confortante, venato di elementi hard-bop, blues e percussioni afro. E una costante ricerca della nota perfetta! Da anni considerato come uno dei migliori musicisti hipster in circolazione, la sua musica afferra un istante di loquace congiunzione fra linearità di Jarret e un ipotetico scambio con Jason Moran e il “verbo” interstellare di un giovane McCoy Tyner. Dodici pezzi, con le belle Simply Green e Encore: the Night Has a Thousand Eyes con variegate suggestioni neo jazz e contemporanee sfumature meticce su cui svettano il sax di J.D.Allen, la tromba davisiana di Sean Jones e la batteria di Bill Stewart. Il risultato è una fusione perfetta di sonorità moderne e rilevanti influssi globali, dove il jazz trova il suo modo di essere. Stimolante.

Giuseppe Maggioli

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *