Memorie di parole volte al nulla 1


Memorie di parole volte al nulla di Katia Ciarrocchi

Esiste un nero rilievo
modellato nel tempo
e abitato dalla parola
suscitato dalla parola
un corpo che cresce
nella matrice impensabile del ventre,
memoria in quel sollazzo
irreale di tarocchi
di cui volta le carte.

Ogni ricordo è un arcano
il fagotto più sottile
del sensibile, tocca l’istante
vibra come cristallo

Com’è gravoso il desiderio di durare
quando si sa che nessun uomo
sbarcherà in ere lontane
le mie rimangono parole
in partenza per il nulla
che aspetta al varco

Ogni permanenza in vita
lascia traccia nella crosta
forse qualcuno passerà
le sue dita sul seno che lascia

Nessuno avrà udito di me
Io non ci sarò più. Sono stata.
Sotto quel firmamento,
sotto questa luce,
dentro quest’ombra,
con questa mano nella mia
e con quest’altra

mi sarò fermata un istante
nel buio che ingoia la carne
la mia voce avrà detto
parole vibranti nel vuoto

mentre m’affacciavo dolente
sulla pagina sgombra
chiusa nel suo candido

La notte atterra così impaziente
che ogni dì è una sera senza fine.

Katia Ciarrocchi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Memorie di parole volte al nulla