Mauro Corona – Il volo della martora


A cura di Renzo Montagnoli

E’ il libro di esordio, nel 1997, di Mauro Corona, una raccolta di racconti dove l’io narrante è sempre e unicamente l’autore stesso, in un omaggio alle genti della sua zona nel riepilogo di fatti e vicende che emergono dalla memoria.
Ci sono ricordi dell’infanzia, ma anche di epoca più recente che sembrano percorrere una strada, secondo un filo logico che li concatena, fino al tragico evento del 9 ottobre 1963 che, oltre a mietere migliaia di vittime, provoca di fatto una frattura insanabile, con la perdita di una realtà fatta da anni di vita legati alla terra, alle tradizioni e al paese, e rende i superstiti orfani della loro storia.
La frana gigantesca del monte Toc, causata indirettamente da chi progettò la diga sul Vajont, rappresenta una scure che divide nettamente due epoche e che proietta nel futuro i superstiti, con un domani tuttavia incerto, per non dire inconcludente, proprio per quello sradicamento dal proprio passato.
Sono racconti che trovano nella semplicità dell’esposizione una freschezza che consente di assaporare i rapporti che esistevano fra i valligiani, le relazioni con la natura, mai vista ostile, in un lungo viaggio che porta il lettore alla consapevolezza che quel mondo che non tornerà più era, pur nelle difficoltà della vita, un microcosmo di comuni sentimenti e modi di agire che connotava una comunità a suo modo strutturata perfettamente.
Ora, senza voler rifarsi al detto che si stava meglio quando si stava peggio, appare comunque evidente una vena di nostalgia nella scrittura di Corona, a tratti anche un rimpianto per un mondo più vero, dove esistevano valori perpetuati nel tempo, dove l’amicizia era un bene supremo e dove il rispetto era reciproco.
Ritorno sullo stile dell’autore, semplice, ma non scarno, e con un notevole senso della misura, soprattutto quando si lascia andare a riflessioni, sempre apprezzabili, senza mai diventare greve.
E’ quasi un modo innato, come l’arte di scolpire il legno di cui lui è maestro indiscusso, una capacità di coinvolgimento che con il tempo e l’esperienza si è via via perfezionata, raggiungendo accenti di notevole efficacia, anche attraverso periodi di prose poetiche, come è possibile verificare nel più recente I fantasmi di pietra.
Del resto, anche il prefatore (nientemeno che Claudio Magris!) è rimasto colpito da questo stile e pur non sbilanciandosi, cioè non gridando ai quattro venti che questa raccolta è un capolavoro, ha tuttavia evidenziato la sua ottima valenza, anche con un certo stupore, trattandosi di opera prima.
Da allora Mauro Corona ha fatto molta strada, ma non ha perso, anzi ha affinato le sue caratteristiche, già riscontrabili in modo chiaro e inequivocabile in questo volume di cui raccomando vivamente la lettura.

Titolo: Il volo della martora
Autore: Mauro Corona
Editore: CDA & VIVALDA
Collana: Licheni
Prezzo: € 8.90
Data di Pubblicazione: Aprile 2012
ISBN: 887480170X
ISBN-13: 9788874801701
Pagine: 216
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Mauro Corona (Pinè, 9 agosto 1950 nasce sul carretto dei genitori friulani Domenico Corona e Lucia Filippin, venditori ambulanti, sulla strada che da Piné porta a Trento.
Dopo i primi anni dell’infanzia passati in Trentino ritorna con la famiglia a Erto, il paese d’origine.
Lì vive in prima persona la tragedia del Vajont. Ha ereditato dal nonno scultore la passione per il legno e dal padre cacciatore la passione per le cime.
Corona è uno dei più apprezzati scultori lignei contemporanei, noto a livello europeo. Inoltre si dedica all’arrampicata (ha aperto numerosi percorsi sulle Dolomiti) e alla scrittura. Molti suoi romanzi sono stati tradotti in diverse lingue fra cui il cinese.

Ha scritto:

  • Il volo della martora (1997)
  • Le voci del bosco (1998 & 2008), vincitore del Grinzane Cavour 2008
  • Finché il cuculo canta (1999)
  • Gocce di resina (2001)
  • La montagna (2002)
  • Nel legno e nella pietra (2003)
  • Aspro e dolce (2004)
  • Storie del bosco antico (2005)
  • L’ombra del bastone (2005)
  • Storie del bosco antico (2005 & 2007)
  • Vajont: quelli del dopo (2006)
  • I fantasmi di pietra (2006)
  • Cani, camosci, cuculi(e un corvo) (2007) vincitore del premio Itas “Cardo d’argento 2008”
  • Storia di neve (2008)

Renzo Montagnoli Sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *