Mariangela De Togni – Frammenti di sale


A cura di Renzo Montagnoli

Mistico abbandono
C’è una spiritualità soffusa nelle liriche che compongono questa silloge, un’ascesi che si concretizza in un abbandono mistico frutto di interazione con il Creato, un afflato spontaneamente riflesso in chi vi si considera solo umile parte, senza pregiudizi, né animo di prevaricazione.
In fondo nella natura, che ci comprende, possiamo sempre ritrovare, purché lo vogliamo, quell’energia trascendente, quel senso dell’immenso da cui la frenesia collettiva di una vita irrazionale ci allontana sempre di più.
Chi si aspettasse da una suora poesie prettamente religiose non potrà che restare deluso, per quanto l’impregnante spiritualità, la continua meraviglia che sgorga dalla penetrazione nella natura assurgono inevitabilmente a una profonda devozione per Chi ha creato questa meraviglia. E le parole fluiscono armoniose, si susseguono, si concatenano intrise di stupore, dando luogo a un’atmosfera sospesa che avvince e convince il lettore. Sembra che sia l’anima a parlare, a raccordarci con lo spirito immenso della natura, un’energia inesauribile da cui è piacevole farsi travolgere.
Ma ci sono anche riflessioni esistenziali, stacchi da quella trascendenza a cui ci si volge, pur tuttavia misurati, constatazioni che acquisiscono consapevolezza sul chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo, come in Beduini dell’eterno (Vestiti di foschia / come fantasmi d’una carovana / di sabbia siamo / anche noi. / Beduini dell’eterno / accampati / sotto le tende / della vita. / E attendiamo. / Che la stella ricompaia / nella notte / a guidarci sulla pista / del nostro destino.).
La cognizione del presente, la nostra materialità soccombente al fato non è quindi disgiunta dalla possibilità di cercare, andando oltre il nostro semplice contingente, le risposte a tutti quei perché che consciamente, o inconsciamente, ci assillano fin da quando muoviamo i primi passi. E Mariangela De Togni ha cercato, ha sempre cercato, trovando la soluzione di questi assilli in un’Entità superiore, che si manifesta nei prodigi del creato (…/ Ti ho sempre cercato. / Nella luce che cambia / le sponde della mia terra. / Nei grappoli del glicine viola. / Nei carruggi ombrosi di pilastri / e archi dove si rincorrono / eco profonde / intrise di lontananza / e di essenze./…).
In un’epoca in cui spesso il poeta appare disorientato sul senso dell’esistenza trovare chi lo cerca guardando fuori e scrutandosi dentro, in una correlazione del tutto spontanea, appare la soluzione universale per dare un’impronta alla propria vita, per ritrovare quel candore che la civiltà tecnologica ha soffocato. Non è forse il sesto senso, che più non abbiamo, ma è la cognizione di far parte di un disegno talmente grande e complesso da non poter essere capito; resta sempre, comunque, la gioia di esserne protagonisti, se pur alquanto umili, granelli di sabbia mossi dal vento divino.
E tutto questo con versi armoniosi, con una musicalità che appaga l’orecchio, ma che consente anche al messaggio di fluire leggiadro fino al cuore.
Frammenti di sale è una gran bella silloge, completa, equilibrata, una di quelle, poche, che nel tempo si tornerà a rileggere con vero piacere.

Mariangela De Togni è nata a Savona. È suora orsolina. Insegnante, musicista, studiosa di musica antica, membro della Accademia Universale “G. Marconi” di Roma.
Ha pubblicato, tra il 1989 e il 2011, undici sillogi poetiche. Tra i titoli (per i dettagli si rimanda al Profilo bio-bibliografico): Non seppellite le mie lacrime, Nostalgia, Una Voce è il mio silenzio, Chiostro dei nostri sospiri, Profumo di cedri, Un saio lungo di sospiri, Nel sussurro del vento, Flauto di canna, Nel silenzio della memoria, Cristalli di mare, Fiori di Magnolia.
È presente in vari e accreditati studi critici su antologie e riviste letterarie, anche on-line (bombacarta.comflannery.itfarapoesiainpurissimoazzurro.itlastanzadinightingale.blogspot.it). Ha ottenuto numerosi premi e segnalazioni di merito in concorsi letterari. Tra i più recenti: “Le Stelle” (Savona), “Abbazia del Cerreto” (Lodi), “Borgo Ligure” (La Spezia), “Premio alla Carriera” (Santuario Madonna di Gaggio), “Val di Magra – Roberto Micheloni” (La Spezia), “Borgo Ligure” (Santa Margherita Ligure), “Città di Salò”, “Portus Lunae” (Sestri Levante), “Satura – Città di Genova”, “Versi di mare” (Roma), “Il Golfo” (La Spezia), “Ibiskos” 2011 per un Racconto breve.
Le è stata dedicata la «Lettera in versi» n. 21 a cura di Rosa Elisa Giangoia, gratuitamente scaricabile nel sito:
bombacarta.com/le-attivita/lettera-in-versi
Federica Galletto
le ha dedicato il blog La mia contemplazione all’indirizzo www.mariangelade. blogspot.it

Renzo Montagnoli Sito

Frammenti di saleFrammenti di sale
di Mariangela De Togni
Foto della copertina: dalle Vedrette di Ries
di Alessandro Ramberti
Fara Editore
www.faraeditore.it
Poesia
Collana Sia cosa che
Pagg. 58
ISBN 978 97441 22 9
Prezzo € 11,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *