Maria Carmen Lama – Prigioniere del silenzio


A cura di Renzo Montagnoli

Una silloge scrosciante di parole e di lacrime
Se devo essere sincero non ho mai pensato alla sofferenza delle donne, soprattutto per quanto concerne i loro rapporti con gli uomini. La domanda, o meglio le domande, sono sorte spontanee leggendo questa silloge di Maria Carmen Lama e sono stato indotto a fare un esame di coscienza, dal quale sono uscito assolto (ma il giudice sono io). Un senso di colpa, però, mi è venuto poiché mai avrei immaginato che questo fenomeno avesse caratteristiche così ampie.
Quindi, se uno degli scopi di Prigioniere del silenzio era quello di allertare, di denunciare una situazione, questo è stato senz’altro raggiunto.
Non sono teneri, questi versi, nei confronti dei maschi, visti come egoisti ed egocentrici (Tu, maschio, / che vivi solo di te stesso – ( Non uomo, / solo maschio! / Assente, / nella tua presenza. / Debole, nella tua arroganza / che credi forza. /…).
E lirica dopo lirica la dose si rincara ( Sai scorticare / le ali di una farfalla, / sai calpestare / senza neppure vederlo / un bel fiore rosso, / dai morbidi / e delicati petali / come il papavero, / sai colorare di nero / la luna piena, /…).
Insomma, c’è di che restare basiti e, francamente, ogni tanto, fra un verso e l’altro, sono assalito dal timore di non essere io stesso immune da simili comportamenti, insomma, magari inconsciamente, di essere succube di un Dna che caratterizza il maschio.
Mi chiedo allora se più che un odio degli uomini nei confronti delle donne sia presente invece un senso di rivalsa delle stesse nei confronti dei maschi per quell’atavica sottomissione che, a dispetto di leggi e costituzioni, permane e serpeggia magari travestita da malcelato buonismo.
(…/ Griderei forte / soltanto / per far svanire / d’un colpo / quel battito d’ali /     / che ti condusse / a me.).
In questi versi si mescolano un rigetto improvviso con la sensazione di aver sbagliato in passato, magari di aver creduto in buona fede. Vero è che le situazioni non sono tutte uguali e che quindi sarebbe ingiusto generalizzare, ma sono dell’opinione che questo grido di dolore, se pur così ben delineato, più che aiutare a risolvere il problema lo enfatizzi.
Comunque, meglio alzare i toni, magari anche tanto, piuttosto che il silenzio, che potrebbe essere scambiato per accettazione di una condizione che non deve esistere.
C’è indubbiamente una distanza fra l’uomo, inteso come essere umano, e il maschio, ed è giusto che esista; il problema sorge quando l’aspetto istintivo, la radice bestiale prendono il sopravvento, determinando così un individuo sostanzialmente immaturo perché più maschio che uomo.
Non si deve, in verità, generalizzare, ma, purtroppo, non è infrequente ed è di questi bambini mai diventati adulti che parla questa silloge, interessante, incalzante, senza accidia, scrosciante di parole e di lacrime.
Da leggere, senz’altro, e per il tema trattato e per come, egregiamente, è stato svolto.

Titolo: Prigioniere del silenzio
Autore: M. Carmen Lama
Editore: Aletti
Collana: Gli emersi narrativa
Data di Pubblicazione: 2010
Prezzo: € 14.00
ISBN: 8864983686
ISBN-13: 9788864983684
Pagine: 204
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Maria Carmen Lama è nata in provincia di Messina il 20.11.’49. Vissuta a Capo d’Orlando fino all’età di vent’anni, nel 1970 si è trasferita per lavoro a Milano, dove si è laureata in Filosofia, e dal ’77 vive in provincia di Lecco.
Ha svolto attività di insegnamento e poi di Dirigente scolastica in Istituti comprensivi e al Liceo Artistico lecchese.
Ha tenuto corsi di formazione per docenti e genitori e ha pubblicato articoli di carattere pedagogico e culturale su riviste professionali per docenti e dirigenti, con gli editori Maggioli, Fabbri, Edizioni Didattiche Gulliver.
Ha prevalenti interessi letterari e in ambito filosofico e psicologico. Scrive recensioni, che pubblica su diversi siti web, relative a testi di vario genere, a romanzi coinvolgenti a livello emotivo e a libri di poesie. Scrive anche poesie e ama approfondire la conoscenza delle produzioni poetiche dei grandi del passato. Ha iniziato da pochi anni a entrare nel mondo poetico attuale, anche attraverso la consultazione di siti web dove le scelte risultano essere traboccanti, ma non sempre adeguate all’idea di poesia come vera e propria arte destinata a pochi  ed eletti adepti.
e-mail: carmen@giandgi.eu

Renzo Montagnoli – Sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *