L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello di Oliver Sacks


L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello
pagina 69

IlI
LA DISINCARNATA 

Gli aspetti di cose per noi importantissime sono nascosti a causa della loro semplicità e familiarità. (Si è incapaci di notare qual¬cosa perché la si ha sempre davanti agli oc¬chi). I veri fondamenti di un’indagine non colpiscono affatto l’uomo che la compie.
WITTGENSTEIN

Ciò che Wittgenstein scrive qui a proposito del¬l’epistemologia lo si potrebbe estendere ad aspetti della propria fisiologia e psicologia, specialmente in riferimento a ciò che Sherrington una volta chiamò « il nostro senso segreto, il nostro sesto senso » : quel flusso sensorio continuo ma inconscio proveniente dalle parti mobili del nostro corpo (muscoli, tendini, articolazioni), che ne controlla e ne adatta di conti¬nuo la posizione, il tono e il movimento, in un modo però che a noi rimane nascosto perché automatico e inconscio.
Gli altri sensi, i cinque sensi, sono noti e manife¬sti; ma questo, il nostro senso nascosto, fu necessario scoprirlo, come in effetti avvenne da parte di Sherr¬ington alla fine del secolo scorso. Egli lo chiamò « propriocezione » per distinguerlo da « esterocezio-ne » e « interocezione », e inoltre perché è indispen¬sabile per il nostro senso di noi stessi; poiché è solo grazie alla propriocezione, per così dire, che noi av¬vertiamo il nostro corpo come nostro, come nostra « proprietà », come veramente nostro (Sherrington, 1906, 1940).

69

Titolo: L’ uomo che scambiò sua moglie per un cappello
Autore: Oliver Sacks
Traduttore: Morena C.
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 10
Prezzo: € 11.00
Data di Pubblicazione: Maggio 2001
ISBN: 8845916251
ISBN-13: 9788845916250
Pagine: 320
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *