Liberamente tratto da Girotondo di Arthur Schnitzler, Girotondo.com


girotondoA cura di Alberto Figliolia

Liberamente tratto da Girotondo di Arthur Schnitzler, Girotondo.com proposto al Teatro Filodrammatici è una conclusione con il botto dell’anno in corso. E coi botti se ne concluderanno le repliche poiché l’ultima rappresentazione al Filodrammatici andrà in scena proprio per San Silvestro.
Sin dall’origine Girotondo fu opera controversa. Basti dire che la prima rappresentazione avvenne a Berlino vent’anni e più dopo la sua concezione. La censura imperiale difatti l’aveva bellamente cassato in quanto il testo era ritenuto “pornografico”. Il tema invero appare scabroso – ma è soprattutto dissacrante e iconoclasta rispetto alla visione del mondo borghese oppure un’acuta osservazione antropologica, quasi con la lente da entomologo, nei tempi nascenti della psicanalisi –, una sorta di “danza sessuale” fra dieci personaggi delle più svariate condizioni sociali: una prostituta, un soldato, una cameriera, un giovin signore e una giovane signora, un marito, un’adolescente, un poeta, un’attrice, un conte. Dieci scene, ciascuna delle quali termina con un atto sessuale, che tuttavia non viene mai esibito in scena, e uno dei personaggi a entrare nella scena successiva sino alla chiusura perfetta del cerchio, con tutto il suo carico/contenuto di istinti e ipocrisie, trucchi, travisamenti e camuffamenti. Un’idea semplice e geniale per una pièce assolutamente coinvolgente e convincente.
girotondo 2La lettura che ne ha fatto Bruno Fornasari (impegnato anche nella regia) è perfetta, più breve dell’originale (sei scene) ma efficacissima, tarata sui tempi – c’è anche il politico con tutto il suo carico di ridondante doppiezza e perbenismo moral-intellettuale, così come la ninfetta aspirante velina o il vincitore di un reality –, tutti i vizi generazionali e della contemporaneità, di ogni contemporaneità a ben vedere, vi trovano luogo e sfogo. La lettura analitica, decisiva nel testo di Schnitzler, qui vira maggiormente sul sociale con toni da farsa che ciò nonostante, o proprio per questo, accrescono il senso incombente di tragedia su ogni umano e individuale destino (il destino è come un festino?). La vita come fornicazione o come ripetuto inganno, anche a sé stessi?Provocatorio è Girotondo.com. Con sublime e cinica intelligenza.
Formidabili i due attori, Tommaso Amadio e Alice Redini, che sul palcoscenico si moltiplicano nei disparati (e comico-disperati) personaggi. Un’interpretazione straordinaria, da virtuosi, che pure non perdono mai la misura.
Per la serata speciale di Capodanno lo staff del teatro attenderà il pubblico dalle 21 per un aperitivo esclusivo nel foyer e, alla fine dello spettacolo, un brindisi con la compagnia tutta festeggerà l’arrivo dell’anno nuovo.

Alberto Figliolia

Girotondo.com, Teatro Filodrammatici, via Filodrammatici 1, Milano. Domenica 29 dicembre ore 16; martedì 31 dicembre Speciale Capodanno-Aperitivo ore 21, inizio spettacolo ore 22. Info e prenotazioni: tel. 02.36727550, e-mail biglietteria@teatrofilodrammatici.eu, sito Internet www.teatrofilodrammatici.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *