Lenny Kravitz di Davide Caprelli


Lenny Kravitz. God is love. La musica, l’arte e la spiritualità
pagina 69

Da un punto di vista musicale Circus è un disco psichedelico e imky, dove le influenze musicali sono evidenti e per fare due esempi basta citare Tunnel Vision, in cui la fonte di ispirazione è Hendrix, con una chitarra dal sound ipnotico che attraversa tutto il pezzo portando Fascoltatore a flash degli anni Sessanta, e Beyond The 7th Sky, che ricorda i Led Zeppelin di When The Levee Breaks sia nella batteria che nella chitarra. Lenny non vuole nascondere niente: poco importa quanto metta insieme o plasmi il suo lavoro sul modello di questi artisti e di altri, il risultato è sempre pura maestria.
Circus esce il 12 dicembre 1995, pochi giorni dopo la morte della madre, e fu sconvolgente per i fan accorgersi che la prima traccia si intitolava Rock And Roll Is Dead, nominata ai Grammy Award del 1996 nella categoria Best Male Rock Vocal Performance; non era il tipo di canzone che ci si aspettava da lui. Lenny ha diverse volte lamentato il fatto che la gente non ha capito il messaggio della canzone che non era certo quello di voler decretare la morte della musica rock ma piuttosto di un certo tipo di vita da rock star: “Troppa gente ascolta solo il ritor¬nello e così senza andare a fondo nella comprensione del testo dicono “il rock’n’roll è morto? Ma che stai dicendo? Credevamo che ti piacesse…

69

Titolo: Lenny Kravitz. God is love. La musica, l’arte e la spiritualità
Editore: Vololibero
Collana: Heroes
Data di Pubblicazione: Aprile 2015
Prezzo: € 20.00
ISBN: 8897637434
ISBN-13: 9788897637431
Pagine: 448
Reparto: Musica

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *