Le due torri. Il signore degli anelli di John R. R. Tolkien


Le due torri. Il signore degli anelli
pagina 69

Si misero a camminare a fianco a fianco lungo il corso del fiume. Alle loro spalle la luce cresceva a oriente. Avanzando, confrontavano le loro impressioni sul viaggio, parlando come soglio¬no fare gli Hobbit, senza dar peso a tutto ciò ch’era accaduto dal momento della cattura. Nessuno, dalle loro parole, avrebbe potuto immaginare quanto crudelmente avessero sofferto, in quali pericoli si fossero trovati, avanzando senza speranza verso la tortura e la morte; persino adesso avevano poche probabilità di trovare amici e sicurezza, e ne erano pienamente consci.
“Pare che tu abbia fatto un buon lavoro, Messer Tue”, disse Merry. “Ti sarà consacrato un intero capitolo nel libro del vecchio Bilbo, se mai avrò l’opportunità di riferirgli l’accaduto. Ottimo lavoro: bello specialmente l’aver indovinato il gioco di quel peloso mascalzone, mettendolo nel sacco. Ma chissà se qualcuno scoprirà le tue impronte e la spilla. Mi dispiacerebbe moltissimo perdere la mia, ma temo che la tua sia partita per sempre. Avrò molto da fare per collocarmi alla tua altezza. Ma a questo punto il cugino Brandibuck prenderà le redini: è qui che entra in scena. Immagino che tu non abbia che una vaga nozione di dove ci troviamo, mentre io impiegai il mio tempo a Gran Burrone in modo più utile. Ci stia¬mo dirigendo a occidente, lungo l’Entalluvio. Abbiamo di fronte un’estremità delle Montagne Nebbiose e la Foresta di Fangorn”.
Mentre parlava, gli scuri contorni del bosco giganteggiarono dritto innanzi a loro. Pareva che la notte si fosse rifugiata sotto i suoi imponenti alberi, per sfuggire all’alba che avanzava.
“Conduci in avanti, Messer Brandibuck! “, disse Pipino. “O conduci indietro! Ci hanno messo in guardia contro Fangorn. Ma un sapiente come te non l’avrà certo dimenticato”.
“Infatti non l’ho dimenticato”, rispose Merry; “ma nonostante tutto mi par meglio inoltrarci nella foresta, anziché tornare nel bel mezzo di una battaglia”.

Condusse il suo compagno sotto gli immensi rami degli alberi. Parevano inconcepibilmente vecchi. Da essi pendevano lunghe barbe strascicanti di licheni, che dondolavano al soffio della brez¬za. Gli Hobbit sbirciarono giù per il pendio dalle tenebre in cui erano immersi: piccole figure furtive che nella fioca luce sembra¬vano elfici bambini di tempi immemorabili intenti a osservare dal Bosco Selvaggio, pieni di stupore, la loro prima Alba.
Da lungi, al di là del Grande Fiume e delle Terre Brune, da…

69

Titolo: Le due torri. Il signore degli anelli
Editore: Bompiani
Collana: I grandi tascabili
Data di Pubblicazione: Giugno 2012
Prezzo: € 13.00
ISBN: 8845270750
ISBN-13: 9788845270758
Pagine: 535
Reparto: Narrativa

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *