In libreria: La strada dei sogni di Chiara Zanini


Comunicato stampa

“Qualche anno fa ho letto che la terra ruota attorno al proprio asse per un solo motivo: per farci avvicinare gli uni agli altri prima che sia troppo tardi. C’era un tempo in cui le strade le davano una mano”.
Chiara Zanini, giornalista e autrice del best seller Cinque piedi e un funerale (Feltrinelli Editore) intreccia tre angoli di mondo attraverso tre racconti uniti da un filo comune: la strada.
La strada dei sogni è la sua nuova creazione narrativa, realizzata in completa indipendenza editoriale e seguendo la sua naturale predisposizione alla scoperta di nuovi mondi e geografici e dell’anima.
Tre storie diversissime, ambientate a Napoli, Durban e Sarajevo, in cui tutto parte dalla strada, da incontri casuali del destino, da tratti di cammino percorsi assieme, esistendo semplicemente uno accanto all’altro.
Napoli, primi anni ’80. Vincenzino, otto anni, è segretamente convinto di essere il gemello di Maradona, ma tutti gli altri lo chiamano Sandokan. Gli altri sono Rosario, il suo primo amico ufficiale, ribattezzato Asso di Spade, perché piace alle donne; Domenico, detto Dobberman, perché si attacca alle caviglie degli avversari e non le molla più; e poi Cosimino, il più piccolo di tutti, che passa troppo bene la palla per non averlo in squadra. Diventano amici giocando a pallone nei vicoli di Secondigliano, diventeranno grandi uscendo da quei confini.
“Voi sape ‘ cosa si fa in strada tutto ‘o tiempo?… Si sogna. E po si sogna in gruppo. Na cosa che è capace ‘e sollevarti da terra”.
Anche Charlotte avrà bisogno di abbandonare la sua Chicago per ricostruire se stessa. Nel 2001, a quarant’anni suonati, vola fino a Durban, in Sudafrica, perché, se un’intera nazione è capace di voltare pagina dopo l’apartheid, tutto è possibile, perfino gettarsi un matrimonio apparentemente perfetto alle spalle. Coco Chanel diceva sempre che una bambina dovrebbe poter essere solo due cose: chi e ciò che sogna di diventare. Ntosh, Kajal ed Elize, le sue tre allieve alla St. Lucia Primary School, le insegneranno esattamente questo, o viceversa. In Africa è difficile prendersi dei meriti ed è troppo facile avere colpe. Succede così quando si cammina
sugli spigoli del mondo.
“Come ha detto Jacobus, al rientro dalle cascate McIntosh: Dio passa la giornata altrove, ma la sera ritorna in Africa”.
Jasminko, dieci anni, è costretto ad affrontare le strade della sua Sarajevo da solo. Mentre piovono bombe. É il 1992 e i serbi tengono sotto assedio la città. Ha una sorellina e un’infanzia dorata alle spalle. Ma l’immediato futuro è una nube di fumo nero che non permette di sognare.
Poi un giorno, per puro caso, si imbatte nel Mago delle seggiole. Lui è anziano, ha stretto un patto d’onore con la solitudine e uno di sangue con la sua Iugoslavia. E sa come si insegna a impagliare sedie.
“Quanto a Zoran, ormai lo conosco: io e lui abbiamo un piano a lungo periodo. O meglio prima era tutto suo, poi è stato così buono da imprestarmene un pezzo”.
Con stile asciutto, personalissimo, caratterizzato da scioltezza nei dialoghi e da un’attenta introspezione psicologica dei personaggi, Chiara Zanini parte dalla strada per narrare tre storie, accomunate da incontri casuali del destino e ambientate in tre mondi lontani tra loro; tre luoghi nei quali trovare una naturale empatia e scoprirsi a percorrere un appassionante percorso
emotivo, una strada dei sogni.
“Qualcuno ha detto che uno scrittore diventa veramente tale quando scrive qualcosa che pensava di non sapere”.

Titolo: La strada dei sogni
Autore: Chiara Zanini
Prezzo copertina:
Editore: Youcanprint
Collana: Youcanprint Self-Publishing
Data di Pubblicazione: 2017
EAN: 9788892695627
ISBN: 8892695622
Pagine: 184
Formato: brossura

CHIARA ZANINI
Giornalista e scrittrice, Chiara Zanini è nata e cresciuta a Milano. Subito dopo la laurea in legge, si dedica alla carriera giornalistica, prima come redattrice a Telenova, come caporedattrice a Telebasket.com e poi come freelancer in terra americana. Collabora con testate come Sports Illustrated, il Los Angeles Times, il New York Post e SLAM, la celebre rivista americana di basket. Al suo rientro in Italia, tra il 2005 e il 2006, concepisce, dirige e pubblica la sua rivista indipendente sul basket americano (Str8b). Cura inoltre le traduzioni in Italiano di Hooligan e Morto in Cinque battiti. Tra il 2007 e il 2008 torna in tv come giornalista/producer per il canale televisivo Sport Italia.
Ha all’attivo un libro su Allen Iverson (Cinque Piedi e un Funerale – Feltrinelli Editore), ritratto di una delle più discusse e magnetiche stella NBA, oltre che icona universale del mondo hip-hop, che ha seguito di persona durante le Finali NBA 2001. Il libro ottiene uno straordinario successo ed è alla seconda ristampa.
Chiara Zanini proviene da una famiglia di tradizione e vocazione cosmopolita: la madre (“la donna più dignitosa e piena di grazia che conosca”) è una delle prime in Italia a essere nata dall’unione tra un’italiana – bolognese d.o.c. – e un cinese scappato dalla Cina sul finire degli anni ‘20, perché pacifista convinto. Lei viene diseredata dalla famiglia, ma, nonostante le difficoltà, i due riescono a sposarsi a Milano, dove vivono in seno alla prima comunità cinese.
Il padre, imprenditore edile milanese, si stabilisce per un lungo periodo negli States e coinvolge la famiglia in frequenti trasferte a Miami Beach.
Al momento Chiara Zanini si sta dedicando alla stesura del suo primo romanzo “non sportivo”. Una fiction ambientata tra America ed Europa per strizzare l’occhio alla più disfunzionale delle famiglie americane all’indomani del crollo finanziario del 2008.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *