Teatro: La lettera di e con Paolo Nani


Paolo Nani, uno dei più grandi mimi del mondo, torna a Milano. In scena sino al 18 dicembre 2016

Il ritorno del Gran Mimo, alias Paolo Nani. Una fama planetaria e una simpatia e un’abilità travolgenti. Un artista e un artigiano del palcoscenico, un comico irresistibile e un finissimo interprete: tutto questo è Paolo Nani, che ogni anno dalla Danimarca dove è migrato da lunghi anni – ma forse sarebbe il caso di dire… dagli innumerevoli teatri del mondo dove si esibisce – torna in Italia facendo un’immancabile tappa al Teatro Filodrammatici di Milano, nel quale ripropone il suo spettacolo cult, La lettera.
È, questo, il sesto anno consecutivo de La lettera…  “una specie di tradizione. Una volta ho sentito parlare di Grock, il clown, che ha fatto lo stesso spettacolo per trent’anni. Per cui si andava a vedere il suo spettacolo da bambini, da ragazzi, da adulti, e poi si portavano i propri figli. Mi sembra un ottimo esempio”, si presenta subito Paolo Nani.
E lo conferma anche chi scrive. Puoi vederlo mille volte, ma sarà sempre esilarante come la prima volta, e ogni volta diverso. Liberamente ispirato a Esercizi di stile di Raymond Queneau, lo spettacolo mostra un uomo che… “si siede a un tavolo, beve un sorso di vino, lo sputa, contempla la foto della nonna e scrive una lettera. Quindi la imbusta, la affranca e sta per uscire, ma gli viene il dubbio che nella penna non ci sia inchiostro. Controlla e constata che non ha scritto niente. Deluso, esce. La storia si ripete quindici volte in altrettante varianti: all’indietro, con sorprese, volgare, senza mani, horror, cinema muto, circo, western e tante altre ancora”. Incredibile. Un saggio di teatro fisico magistrale.
E, se La lettera andrà in scena sino al 18 dicembre, quest’anno si potrà raddoppiare, il 14 e il 16 dicembre, con Jekyl non Ice! (regia di Frede Guldbrandsen e Valentino Dragano), che in prima nazionale seguirà, per l’appunto, La lettera.
“Nel nuovo spettacolo di Paolo Nani Jekyll è un timido gelataio che, nel tentativo di produrre un gelato originale, sbaglia ingredienti e scatena una reazione chimica che lo trasforma in un rocchettaro assatanato. Le situazioni demenziali che ne nascono, spaziano dalla produzione di palloni mostruosi, al concerto heavy metal, ad un gran finale con gelati per tutti”.
Due spettacoli di Paolo Nani nella stessa giornata… insomma, un’esperienza imperdibile. La carica di entusiasmo rigenerativo che il nostro sa trasmetterti è impagabile. Risate su risate, con intelligenza.
Magico!

Alberto Figliolia

La lettera di e con Paolo Nani.
Orari: lunedì 12, martedì 13, giovedì 15 e sabato 17, ore 21; mercoledì 14 e venerdì 16, ore 19,30; domenica 18, ore 16.
Jekyll on Ice! di e con Paolo Nani.
Orari: 14 e 16 dicembre, ore 21.15
Teatro Filodrammatici, via Filodrammatici 1, Milano.
Info: tel 02.36727550.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *