Jolanda Catalano – Invincibili


A cura di Renzo Montagnoli

Quando vidi “2001 Odissea nello spazio”, il celebre film di Stanley Kubrik, rimasi fortemente impressionato dalla capacità del regista inglese di narrarci la genesi dell’umanità fino al suo compimento finale.
Analogo stupore ho ritratto dalla lettura di Invincibili, di Jolanda Catalano, un vero e proprio poemetto sull’evoluzione della specie, attuata con continue dilatazioni temporali che colgono gli aspetti essenziali dello sviluppo dell’essere umano, con stacchi sul passato e proiezioni sul futuro, in una continua e costante tensione armonica che riesce ad avvincere e a coinvolgere il lettore.
Dalla nascita della vita alla conoscenza prima animalesca dell’amore, poi alla sua sublimazione, è un percorrere poeticamente e con estrema capacità di sintesi la storia dell’uomo, di questo essere dapprima inconsapevole di esistere e che poi prende possesso della sua realtà oggettiva in una visione soggettiva che gli fa credere di essere l’unico, imponente, importante, sovrano assoluto del mondo.
La scoperta, o meglio le scoperte, in un essere che crede di essere invincibile della sua estrema vulnerabilità, non solo ai fattori esterni, ma alla sua dimensione intima, a quella sfera psichica che tende a esaltarlo, ma anche a deprimerlo, sono versi di accorata impotenza, la constatazione della nullità del suo smisurato orgoglio ( Non ti dirò di tutte le vergogne / che videro i miei occhi nel passare, / sappi soltanto che l’animale è buono / e l’uomo invece è perfido e crudele. /…).
Questa immagine riduttiva della propria capacità conduce l’uomo alla ricerca di chimere, a sprofondare nei sogni che esulano la realtà, in un viaggio, novello Ulisse, che non porta da nessuna parte se non a un malinconico ritorno a se stessi, con il rimpianto di quanto si è perso del poco che si aveva e che pur invece è tanto ( E piansi, finalmente piansi, / a lungo prostrato su me stesso / e mai un pentimento fu così grave / mai più ci fu una nave per il ritorno. /…).
Ciò che si è perso nel tempo non ci verrà restituito dal tempo, ciò che credevamo superbamente di essere sarà il motivo della nostra rassegnata sconfitta. Invincibili non eravamo, né mai lo saremo, e anche se il volo poetico è pura illusione, un separarsi dalla realtà per trascorrere inconsapevolmente dei giorni forse perduti, è l’unico che può dare un senso compiuto alla vita.
Non aggiungo altro, se non l’invito a leggere questi versi stupendi, accostati in un’armonia di grande effetto, e che alla fine, nella consapevolezza della nostra imperfezione, ci pervaderanno di un profondo senso di serenità.

Titolo: Invincibili
Autore: Jolanda Catalano
Editore: Città del Sole Edizioni
Collana: Il viaggio del poeta
Prezzo: € 7.00
Data di Pubblicazione: 2005
ISBN: 8873510914
ISBN-13: 9788873510918
Pagine: 46
Reparto: Studi letterari > Poesia > Poeti

Jolanda Catalano è nata a Villa San Giuseppe e vive da parecchi anni a Gallico (Reggio Calabria). Sin da giovanissima ha sviluppato il suo amore per la poesia. E’ autrice di raccolte poetiche, di racconti e di testi teatrali ( in lingua e in vernacolo), che hanno ottenuto premi e riconoscimenti.
Con successo è stata messa in scena una sua commedia in Vernacolo Uvi, uvi, a pizziau, dal Gruppo teatrale “I Rusticani”, regia di Giulia Catanese.
Ha collaborato per diversi anni alla Rivista “La Procellaria” con poesie, recensioni e articoli.
La sua prima silloge poetica Alternanze è stata pubblicata nel 1886, da Calabria Letteraria Editrice e presentata al pubblico a cura del Rhegium Julii, Circolo Culturale all’interno del quale l’Autrice continua a vivere la sua esperienza umana e poetica.
Nel 2000, con La tela di Penelope ha vinto il premio Gilda Trisolini, silloge pubblicata a cura del Circolo Rhegium Julii.
Del 2004  e del 2005 sono rispettivamente le sillogi Lettera a due madri e Invincibili, entrambe pubblicate da Edizioni Città del Sole.

Renzo Montagnoli Sito

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *