Istanti di Giulio Marchetti


Istanti

C’era l’infrangibile uguaglianza degli assi
lungo la linea. La onesta frammentazione
delle ali. La prudenza di volare
con i piedi ben saldi alle orme.
Nulla più poteva essere il senso del volo
se non quella comunione
di sguardi. Istanti. E poi il volo fu la breccia
dopo il battito di ali e la caduta.
Non un attimo di più.

Giulio Marchetti
Tratta da: Apologia del sublime Poesie 2008-2014

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *