Isole Figi


FijiFavole raccolte, curate e riadattate da Simone

Nelle isole Figi si racconta la storia di un ragazzo che fu catturato da una tridacna.
Un giorno il ragazzo, che aveva l’incarico di sorvegliare tutte le galline di un’isola, nuotò fino alla vicina scogliera e vi trovò vermi succulenti e molti altri animaletti che le galline mangiano volentieri. Perciò disse ai volatili di raggiungerlo. Le galline obbedirono e si misero a mangiare a sazietà.
Presto la marea cominciò a salire, e il ragazzo stava proprio correndo ad avvisare le galline, quando inciampò nelle valve aperte di una tridacna gigantesca.Il mollusco, infastidito da quella intrusione, richiuse immediatamente le valve imprigionando il piede del ragazzo.
Questi, che era molto intelligente e sveglio, ritenne di poter battere il pettine in astuzia. Così disse al mollusco di essergli riconoscente per avergli dato una lezione. D’ora innanzi avrebbe fatto più attenzione a dove metteva i piedi. Ma questo non servì a placare la tridacna che era incollerita con il ragazzo perché aveva portato le galline a cercare cibo in quella scogliera.
“Quelle galline non sono creature del mare” – disse – “appartengono all’arida terra, questo è il mio regno”.
E giurò che avrebbe stretto il ragazzo sempre di più, fino a soffocarlo.
La marea saliva sempre più, e il ragazzo ordinò alle galline di ritornare all’isola. .Poi ebbe una brillante idea e disse al mollusco.
– Pensavo che tu fossi una tridacna , ma mi sono sbagliato perché, perché non avevo mai visto una perla all’interno.
La tridacna era sbalordita.
– Tu non sei per niente una tridacna – continuò il ragazzo – tu sei un’ostrica !
– Il mollusco si incollerì:
– Io un’ostrica ? Assolutamente no ! Non ho nessuna perla all’interno, guarda !
E dischiuse le valve per provare al ragazzo che s’era sbagliato. In quell’attimo il ragazzo estrasse il piede dalla conchiglia e nuotò con tutte le sue forze verso la spiaggia. Le sue galline lo chiamavano, incitandolo per sfuggire all’alta marea.
Da allora, nelle isole Figi, tutti sanno quando la marea comincia a crescere. Perché le galline si mettono a starnazzare.

Simone
http://lefavoleprivate.iobloggo.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *