In libreria: “Sorella Noia Fratello Nulla” di Leo Tenneriello


Pensando a un diario alfabetico in forma di pensieri,
cavolerie, aforismi, frasi, poesie, concetti,
messaggi, piccoli racconti, esercizi di stile presi qua
e là, fra il mio parolame, in questi miei primi
(quasi) 50 anni

“Inchiodare i pensieri in uno scritto. Questo il mestiere di chi produce idee. E le idee suscitano echi, creano terremoti, aprono canyon, burroni, esplodono, implodono, irrompono e rompono le nuvole… e tuona… e piove così forte da far cadere giù certezze, domande, impressioni a grandine, angosce e smarrimenti a raffica. ” si legge nella prefazione di Mimmo Cavallo. Tutta la produzioneartistica di Leo Tenneriello ruota intorno alla parola-suono con la quale prova a raccontarsi e a raccontare il mondo tra certezze e contraddizioni, illusione e disincanto. La scrittura – e il pensiero – sono la via di fuga dalla propria insicurezza, dai propri limiti. Ma anche voce critica sull’esistenza, che si fa urlo per svegliare coscienze sopite o peggio ancora rassegnate…
Con Sorella Noia Fratello Nulla Leo – menestrello contemporaneo – ha scritto il suo Zibaldone, una sorta di Torre di Babele costruita per sfuggire alla noia e al nulla, suoi compagni di sosta e di viaggio.
Versi e testi che aderiscono perfettamente al senso della collana ConTesti DiVersi dedicata alla poesia e alla narrativa contemporanea senza rinunciare né alla leggerezza della poesia-canzone – in questo caso – né alla densità del pensiero che scava e indaga i contesti più diversi.

Leo Tenneriello, nato in Puglia da papà campano e mamma lucana, mescola nella sua musica e nei sui scritti il calore intimista di chi proviene dal Sud e i concetti universalistici della cultura mit te – leuropea. Esprime un pop mai scontato e scrive testi interessanti dai quali si evince la provenienza culturale, si è laureato in Scienze Politiche col massimo dei voti col professor Franco Cassano.
Apprezzato da pubblico e critica, Leo ha suonato in diverse città italiane, dai club alle scuole, dai circoli culturali ai pub. Ha aperto concerti per Mariella Nava, Pacifico, Max Gazzè, Goran Kuzminac, Mimmo Cavallo, e le sue canzoni sono state programmate su diverse radio nazionali e internazionali.
Nell’ambito di PugliaSounds (Teatro Pubblico Pugliese) è stato selezionato da una commissione di critici musicali, produttori e professionisti della musica di risalto nazionale per esibizione e registrazione live di un cd e di un videoclip. Nell’ultimo cd di Mimmo Cavallo Quando saremo fratelli uniti (edito da Edel Italia), tratto dal successo di Pino Aprile Terroni, sono presenti due brani cofirmati da Leo (Voglio bene all’Italia e la hit del cd Siamo Briganti). Nel 2013 riceve il Premio Speciale della Giuria Franz Kafka Italia per il cd Leo T. Kafka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *