In libreria: La storia perduta del cristianesimo di Philip Jenkins


Come nasce e muore una religione.
Il cristianesimo non è «made in Europe»
Esce La storia perduta del cristianesimo (EMI)
il nuovo libro di Philip Jenkins

«Le religioni muoiono. Nel corso della storia, alcune religioni svaniscono del tutto, altre si riducono da grandi religioni mondiali a una manciata di seguaci. Il manicheismo, una religione che un tempo attirava adepti dalla Francia alla Cina, non esiste più in alcuna forma organizzata o funzionale; né esistono più le fedi che, mezzo millennio fa, dominavano il Messico e l’America Centrale». Sarà questo il futuro dei cristiani sotto la spinta dell’islamismo radicale dell’ISIS?
In passato, una simile sorte è toccata al cristianesimo, distrutto nelle regioni in cui un tempo aveva prosperato e i cui fedeli occupavano posizioni chiave a livello politico, economico e culturale. Dalla Siria, all’Iraq e all’India, l’annientamento del cristianesimo è stato tale da non lasciare (quasi) alcuna traccia della sua presenza nei secoli. Ma perché le religioni muoiono? Che cosa possiamo apprendere dalla caduta – e talvolta anche dalla rinascita – delle religioni nel corso della storia?
Philip Jenkins, professore di storia alla Baylor University, nonché uno dei massimi esperti al mondo di sociologia e demografia delle religioni, nel suo nuovo libro La storia perduta del cristianesimo. Il millennio d’oro della Chiesa in Medio Oriente, Africa e Asia (V-VX secolo). Com’è finita una civiltà (Editrice Missionaria Italiana, prefazione di Giancarlo Bosetti), propone una lettura inedita e provocatoria della storia delle prime Chiese cristiane d’Oriente, del loro rapporto con le altre fedi, in particolar modo con l’islam, e della loro successiva rovina. Profondamente non-eurocentrico, l’approccio dello studioso americano evidenzia come una religione che oggi consideriamo naturalmente «occidentale» sia invece nata e si sia diffusa anzitutto in una vastissima area che si estendeva dal Medio Oriente fino all’Asia e di cui oggi si sa poco o nulla. In un appassionante excursus storico, l’Autore illustra la forza e la resilienza di queste prime comunità cristiane – in primis quella nestoriana e siriaca – che riuscirono ad auto-preservarsi anche durante secoli di dominazione islamica. Come sottolinea Giancarlo Bosetti nella sua prefazione, «il libro di Jenkins ci costringe non solo a rimuovere assiomi stereotipati, ma anche a effettuare lo “spostamento di un centro” che assumevamo come irriflesso; ci spinge cioè a riesaminare certezze che parevano indiscutibili, andando a illuminare aree della storia poco conosciute perché appartenute a comunità sconfitte».
Si scopre così che già nel VII secoli missionari nestoriani avevano raggiunto l’India, lasciando sia importanti tracce della loro fede nelle prime stesure dei sutra buddhisti, sia nel simbolo combinato della croce e del loto che appare nelle croci di pietra nella regione del Kerala, nel sud del subcontinente. Senza dimenticare che alcune delle pratiche odierne dei musulmani, come la prostrazione durante la preghiera, derivano dall’antico modo di pregare dei monaci siriaci. Un fervente e stimolante scambio di idee, avvenuto in un clima di convivenza pacifica, che si interruppe solo con l’inizio di nuove persecuzioni dei cristiani intorno all’anno 1300 da parte dei dominatori islamici.
Tuttavia, non furono soltanto cause esogene a contribuire alla scomparsa del cristianesimo in queste regioni – cause politiche, come le persecuzioni e le conversioni forzate, cause naturali, si pensi a carestie ed epidemie, o cause demografiche -; Jenkins infatti individua anche varie cause endogene. Secondo la sua teoria, le religioni scompaiono nel momento in cui si isolano troppo e diventano radicalmente settarie, in altre parole quando perdono la loro «forza viva». Diventano quindi incapaci di inculturarsi in alcune delle aree in cui si sono radicate. Applicare quindi logiche darwiniane di «adattamento», continua, non è compatibile con le reali ragioni storiche della loro distruzione. In realtà, sottolinea Jenkins, «né la fede, né la pietà, né la sapienza, né l’antica tradizione sono servite per mantenere in vita le chiese nella maggior parte delle loro terre d’origine».
Se si applicassero logiche di stile darwiniano, infatti, non si spiegherebbe la presenza delle ampie comunità di criptocristiani sopravvissuti per secoli a persecuzioni ed epurazioni, come nel Giappone nel XVII secolo o in Cina dopo la Rivoluzione Comunista del 1949. Oppure l’esempio delle chiese maronita e caldea in Libano e in Iraq, oggi in grande pericolo a causa della furia distruttiva dell’ISIS, le quali, legandosi alla Chiesa cattolica di Roma, riuscirono a garantire la sopravvivenza delle loro comunità.
La storia perduta del cristianesimo non è solo studio di grande rilevanza ed attualità storica, ma al contempo si offre come uno strumento utile per comprendere ed affrontare il periodo di crisi che il cristianesimo sta attraversando nel mondo occidentale odierno. Apprendere le lezioni della storia, e di questa storia in particolare, significa comprendere che «per le chiese, come per le aziende, il fallimento spesso è il risultato di una mancanza di diversificazione, di un collegamento troppo rigido delle proprie fortune con un particolare insieme di circostanze, politiche o sociali». Ancor più importante, «le chiese dovrebbero capire il concetto di transitorietà: il fatto che gli accordi e le alleanze politiche sono raramente duraturi, per quanto possano sembrare permanenti in un determinato momento». Infine, le chiese non dovrebbero mai raccogliere i loro i loro membri all’interno di un singolo gruppo etnico, di una razza o di una sola classe sociale, ma diversificarsi. Solo in questo modo, chiosa Jenkins, «a condizione che continuino a esistere altrove, potrebbero benissimo tornare, un giorno, a ricolonizzare il vecchio spazio. E spesso, nel contesto umano, le memorie di quel precedente storico aiutano a plasmare il nuovo insediamento».

Un nuovo insediamento le cui ramificazioni arrivano fino ad un nuovo «Medio Oriente». In altre parole, alle comunità cristiane in continua crescita in Cina e nei paesi del Golfo Persico, aprendo nuovi spiragli per nuove commistioni e per un nuovo fermento culturale che forse porterà allo studio di quella che Bosetti definisce una «pluralità delle religioni».

La storia perduta del cristianesimoTitolo: La storia perduta del cristianesimo. Il millennio d’oro della Chiesa in Medio Oriente, Africa e Asia (V-XV sec.). Come è finita una civiltà
Traduttore: Mansuelli M.
Editore: EMI
Collana: Emisferi
Data di Pubblicazione: Marzo 2016
Prezzo: € 22.00
ISBN: 8830723045
ISBN-13: 9788830723047
Pagine: 352
Reparto: Religione

Philip Jenkins (1952), storico americano di origine gallese, è uno degli studiosi di questioni religiose più apprezzati al mondo. Docente di Storia e di Scienze religiose alla Baylor University (Texas) e professore emerito alla Penn State University (Pennsylvania), ha scritto saggi tradotti in 16 lingue. Suoi interventi sono stati pubblicati da Wall Street Journal, Boston Globe, Los Angeles Times. I suoi libri hanno vinto numerosi premi in Italia e all’estero. In Italia sono disponibili La terza chiesa (Fazi), I nuovi volti del cristianesimo (Vita e Pensiero) e, pubblicati da EMI, Il Dio dell’Europa. Il cristianesimo e l’islam in un continente che cambia e Chiesa globale, la nuova mappa.

Pagine scelte da La storia perduta del cristianesimo

La fine del cristianesimo globale

«Chi si interessa alla storia del cristianesimo conosce la fondazione, la crescita e lo sviluppo delle chiese, ma quanti hanno letto i racconti del declino o dell’estinzione di comunità e istituzioni cristiane? Sembra che la maggior parte dei cristiani trovi inquietante la sola idea. Eppure tali eventi si sono sicuramente verificati, e molto più spesso di quanto non si pensi. Nel tardo Medioevo, defezioni di massa e persecuzioni in tutta l’Asia e il Medio Oriente sradicarono alcune comunità cristiane che erano tra le maggiori del mondo di allora: chiese che avevano un legame diretto, in termini di discendenza e di cultura, con il primo movimento di Gesù in Siria e in Palestina. Nel XVII secolo il Giappone eliminò una presenza cristiana che era sul punto di acquisire un reale potere all’interno del paese, e forse di ottenere la conversione dell’intera nazione. Più volte, nel corso della sua storia, l’albero della Chiesa è stato potato e tagliato, spesso selvaggiamente. Questi episodi di espulsione o distruzione di massa hanno plasmato in profondità il carattere della fede cristiana.» (pp. 26-7)

«La riscoperta dei mondi cristiani perduti dell’Africa e dell’Asia pone domande che fanno riflettere sulla natura della memoria storica. Come abbiamo fatto a dimenticare una storia così importante? Per quanto riguarda la storia del cristianesimo, che di solito viene strettamente associata alla formazione dell’ “Occidente”, molto di ciò che crediamo di sapere è impreciso; mi riferisco ai luoghi e ai momenti in cui gli eventi sono accaduti e a come si sono verificati i cambiamenti in ambito religioso. Inoltre, molti aspetti del cristianesimo che oggi consideriamo tipicamente moderni rappresentavano, in realtà, la norma in un lontano passato: la globalizzazione, l’incontro con altre fedi e i dilemmi della vita sotto regimi ostili. Come è possibile che le nostre mappe mentali del passato si siano così radicalmente distorte?» (p. 28)

Le religioni muoiono

«Le religioni muoiono, ma lasciano dietro di sé i loro fantasmi. Le persecuzioni religiose spingono i credenti a rifugiarsi in zone più ospitali, creando in ciascuna di esse una diaspora influente che diffonde idee e tendenze culturali. Questo schema, familiare nella storia ebraica, si ritrova spesso anche in contesti cristiani. Più volte gli esuli di comunità distrutte hanno dato vita a nuove società e chiese. Una religione che in una determinata area muore – nel senso che non risulta avervi seguaci attivi – può avere molti credenti segreti o clandestini. Come la distruzione delle chiese, anche il criptocristianesimo è un fenomeno decisamente poco studiato. In teoria, i veri credenti nascosti dovrebbero sfuggire allo studio, per non farsi scoprire; di conseguenza, le persone che si lasciano studiare sarebbero solo le meno discrete. Tuttavia, si sente parlare spesso dei criptocristiani, e le loro storie sono sorprendenti per gli occidentali, abituati a concepire il cristianesimo come una consolidata fede ufficiale per interi stati.» (pp. 63-4)

«Il cristianesimo e l’islam hanno molte più cose in comune di quanto molti credenti rigorosi di entrambe le fedi siano disposti ad ammettere. La rovina del cristianesimo mediorientale e asiatico ha avuto conseguenze complesse anche su altre religioni.» (p. 66)

Lezioni per il futuro

«L’osservazione del declino e della rovina delle comunità cristiane offre molte lezioni alle società occidentali moderne, anche se non nella direzione comunemente preferita dall’estrema destra, vale a dire come un ultimo drammatico allarme contro la minaccia islamica. Storicamente, tutte le principali religioni hanno prodotto molteplici casi di intolleranza e persecuzioni, e il testo sacro dell’islam contiene molte meno chiamate alla violenza spietata della Bibbia ebraica e cristiana: lo testimoniano la conquista del paese di Canaan da parte di Giosuè, o le pulizie etniche associate a Esdra e Neemia. […] Prima di tutto, le chiese di oggi dovrebbero scoprire che cosa hanno fatto alcune entità scomparse per accelerare la propria fine. Per le chiese come per le aziende, il fallimento spesso è il risultato di una mancanza di diversificazione, di un collegamento troppo rigido delle proprie fortune con un particolare insieme di circostanze, politiche o sociali. Meglio di chiunque altro, le chiese dovrebbero capire il concetto di transitorietà: il fatto che gli accordi e le alleanze politiche sono raramente duraturi, per quanto possano sembrare permanenti in un determinato momento.» (pp. 283-5)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *