In libreria: Il desiderio allarga il cuore di Francesco (Jorge Mario Bergoglio)


È una meditazione tutta all’insegna dello spirito di Ignazio di Loyola quella che Jorge Mario Bergoglio compie nel libro – inedito in Italia – Il desiderio allarga il cuore. Esercizi spirituali con il Papa (pp. 144, euro 12,90, in libreria e disponibile in ebook per Editrice Missionaria Italiana dall’8 maggio in occasione del Salone del Libro di Torino). In esso vengono presentate le riflessioni del futuro papa legate agli Esercizi spirituali del fondatore dei gesuiti, con particolare riferimento ai temi del peccato, del desiderio, della conversione.
Come esplicitato nell’introduzione da padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica, queste pagine «fanno comprendere le radici più profonde della visione di Bergoglio. È la visione di Sant’Ignazio di Loyola così come emerge dagli Esercizi spirituali».
Il tema del desiderio attraversa l’intero libro: «Il nostro cuore è il terreno in cui germogliano i nostri desideri – annota Bergoglio -. Desiderare, per il nostro cuore, è come respirare, e ciascuno dei suoi desideri è uno dei suoi battiti segreti». Il cristiano deve quindi sottoporsi ogni giorno, ad esempio con l’esame di coscienza, «invenzione» ignaziana, ad analizzare cosa egli desideri veramente: «Il cuore si esprime nei desideri: sono essi, in effetti, a rendere l’uomo gretto o grande: “Dimmi che cosa desideri e ti dirò che cuore hai”, ovvero qual è il tuo tesoro. I desideri sono quel che caratterizza l’uomo e mostrano che cosa egli consideri il proprio tesoro e la ragione ultima della sua esistenza».
Da autentico seguace di Ignazio, Bergoglio affronta le questioni spirituali dell’animo umano, prima fra tutte il nodo della veracità della persona: «Gesù ha riservato all’ipocrisia un attacco frontale, e non ha esitato a dare degli ipocriti in faccia a farisei, sadducei e dottori, riguardo norme che definivano religiose ma invece, in fondo, erano ipocrite». Bergoglio si augura che i suoi lettori abbiano «la grazia dello schianto interiore: si tratta di rompere qualcosa, di sfasciare una falsa tranquillità». La lotta spirituale deve essere combattuta con forza, sostiene il pontefice, tenendo ben conto la presenza del Maligno: «Così come nessuno può prendere in giro Dio, non si può nemmeno prendersi gioco del diavolo. Non dobbiamo sottovalutare il nemico».
Utilizzando un linguaggio che si rifà a quello tipicamente ignaziano (fatto di «livrea», di «battaglia», di «vessilli», tutti riferimenti all’ambito bellico), Bergoglio chiede ai suoi lettori (in primis i gesuiti, ma per esteso ad ogni cristiano) di
«essere disposti a partire verso i fronti dove si combattono le battaglie degli eserciti. È questa la percezione del “sempre di più” che scaturisce dal nostro amore per Cristo».
Da rilevare inoltre l’affondo che l’attuale papa riservava negli anni Ottanta (l’edizione originaria è del 1987) a chi sosteneva lo slogan molto in voga in quel periodo «Cristo sì, Chiesa no». Tale annotazione viene suffragata da Bergoglio con la citazione dell’enciclica Evangelii nuntiandi di papa Paolo VI: «Ci “si perde” quando non ci s’inserisce nel corpo o quando si elaborano teorie e interpretazioni personali, fuori dai confini del corpo, sulla vita e sul Vangelo. Perché è una “dicotomia
assurda” pretendere di “amare il Cristo, ma non la Chiesa, ascoltare il Cristo, ma non la Chiesa, appartenere al Cristo, ma al di fuori della Chiesa”».

Titolo: Il desiderio allarga il cuore. Esercizi spirituali con il papa
Autore: Francesco (Jorge Mario Bergoglio)
Editore: EMI
Collana: I libri EMI di papa Francesco
Data di Pubblicazione: Aprile 2014
Prezzo: € 12.90
ISBN: 8830721905
ISBN-13: 9788830721906
Pagine: 144
Reparto: Religione > Cristianesimo > Spiritualità

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *