In libreria: I piccoli viaggi di Beppe Gulliver di Marco Aime


Dopo Fiabe nei barattoli, Marco Aime, professore di Antropologia culturale all’università di Genova, educatore, divulgatore scientifico e autore di molte pubblicazioni, presenta il suo secondo libro di narrativa per ragazzi ma valido per tutti, I piccoli viaggi di Beppe Gulliver (Editrice Missionaria Italiana, pp. 112, euro 12,90, da oggi nelle librerie). Incentrato sulla figura di Beppe Gulliver, marinaio ligure e pronipote del leggendario Lemuele Gulliver, protagonista del classico di Jonathan Swift, I viaggi di Gulliver, il volume racconta gli incredibili viaggi di Beppe e i suoi incontri, talora bizzarri, con popolazioni uniche. Grazie al sapiente uso di metafore e allegorie e affidandosi a uno stile classico ma leggero, Aime dipinge uno spaccato dell’Italia di oggi, con i suoi problemi e le sue contraddizioni.

Marinaio curioso ed intelligente, Bepin, come lo chiamano a Savona, ci accompagna in prima persona nelle sue avventure, portandoci fino alla terra di Krylien, dove scopriamo che tutti obbediscono a ciò che ordina la televisione, o la terra di Persilios, i cui abitanti sono stati colonizzati da dei «mercanti con i flauti» che ne hanno cancellato la memoria, condannandoli all’oblio, poiché «non puoi avere futuro, se non hai un passato». Forse più curiosa è Orbania, «il paese dell’uno», dove, in nome di ancestrali tradizioni, tutto è unico, dal cibo alle bevande fino ai giornali, a dispetto del fatto che tutto deve essere importato da fuori.

Il filo conduttore del libro è però l’incontro con lo straniero, che in molti casi incute timore e viene spesso osteggiato. Ciascuna delle terre visitate dal nostro marinaio ne è un esempio, rifiutando completamente l’incontro con l’altro o aggrappandosi a salde e inamovibili radici. Motore è la paura di perdere la propria identità, inventata o vera che sia, oppure il lavoro, come quando un famoso capo tribù africano rammenta a Beppe che i bianchi si sono appropriati anche delle loro leggende, come quella dove si narra dei «continui sbarchi dei bianchi sulle coste dell’Africa», che toglievano lavoro agli africani.

Alla fine Bepin Gulliver, sempre spinto da una insaziabile curiosità, scoprirà che un fantomatico paese del Terzo Mondo non è altro che la sua Italia e che, talvolta, le lenti che inforchiamo per guardare la storia non sono altro che gli occhiali di una buona propaganda «con cui si ottengono ottimi risultati … In fondo fa comodo pensare di essere i migliori».

Un libro per ragazzi acuto e divertente, per allargare gli spazi della mente.

Piccoli-viaggi-di-Beppe-GulTitolo: I piccoli viaggi di Beppe Gulliver
Autore: Marco Aime
Illustratore: Gottardi V.
Editore: EMI
Prezzo: € 12.90
Collana: Il telaio
Data di Pubblicazione: Febbraio 2014
ISBN: 883072162X
ISBN-13: 9788830721623
Pagine: 112
Reparto: Bambini e ragazzi > Narrativa e storie vere > Narrativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *