Il sospetto


A cura di Silvio Danese

Tutti lo credono: c’è un orco all’asilo
E se la vittima fosse il mostro? La voglia di linciaggio, la perdita di indipendenza del giudizio, attraversano la storia del cinema, a partire da «Furia» (1936) di Fritz Lang fino al recente «Il dubbio» (2008). Il punto è la tendenza a crearlo, il mostro, per sentirci risarciti e salvi. La parola di una bimba che forse non è così pura come sembra contro quella di un uomo che si dichiara
accanitamente innocente, in una piccola comunità di nordico perbenismo: il regista di «Festen», del delitto di pedofilia analizza, con profondità drammatica e suspense hitchcockiana, le conseguenze di una verità presunta fondata sull’attitudine di ogni gruppo a convincersi del colpevole. Mads Mikkelsen, tra i migliori interpreti del cinema danese, è un assistente d’asilo divorziato che, isolato dai migliori amici, vessato da ogni conoscente, picchiato quando si difende, trova il coraggio di affrontare il pregiudizio e l’aberrazione collettiva (il titolo originale è «Jagten», la caccia). Il finale conciliante e ad effetto non è però a misura di un progetto ambizioso, quasi riuscito.

Titolo originale: Jagten
Nazione: Danimarca
Anno: 2012
Genere: Drammatico
Durata: 111′
Regia: Thomas Vinterberg
Cast: Mads Mikkelsen, Alexandra Rapaport, Thomas Bo Larsen, Lars Ranthe, Anne Louise Hassing, Susse Wold, Ole Dupont
Produzione: Film i Väst, Zentropa Entertainments
Distribuzione: Bim Film
Data di uscita: Cannes 2012
22 Novembre 2012 (cinema)
Trailer:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *