In libreria: Il pianeta mangiato di Mauro Balboni


E’ in libreria “Il pianeta mangiato. La guerra dell’agricoltura contro la terra” di Mauro Balboni

Un inedito tentativo di sintesi su quella miriade di criticità che rappresenta il modello agroalimentare contemporaneo, fonte di mille interessi e narrazioni contrastanti. Ricco di rimandi puntuali e prospettive d’analisi altrettanto poco battute, questo libro accompagna denuncia delle storture a capacità di visione e di proposta
Una sola cosa e sicura: mentre noi minoranze intellettuali del mondo ricco celebriamo i nostri riti alimentari – totalmente urbani, anche se in nome di una naturalità agreste da cui siamo peraltro fuggiti in massa qualche generazione fa – l’agrodisastro planetario continua. Siamo talmente ossessionati dagli effetti – veri o presunti – che il nostro cibo quotidiano potrebbe avere (o non avere) su noi stessi da esserci dimenticati che al momento, più che nutrirlo, il pianeta ce lo stiamo mangiando.
L’umanità è a un punto di non-ritorno: sta prendendo congedo dall’Olocene – l’era geologica in cui è nata l’agricoltura, che ci ha fatto proliferare e prosperare – per varcare le soglie di un Evo nuovo, l’Antropocene, caratterizzato dall’impatto negativo delle attività umane sulla Terra per mezzo di un’alterazione massiccia e sistematica dei processi naturali.
Andamenti di produzione insostenibili; esplosione demografica incontrollata; uso sregolato di risorse limitate come l’acqua e la terra fertile; deforestazione e degrado ambientale; incapacità di percepire il cambiamento climatico; estinzione delle specie viventi hanno condotto a una sorta di Evo sintetico in cui la Terra è sempre più simile a un “Pianeta Tossico”, dove quasi 4 dei 9 Limiti Planetari classificati dagli scienziati – ossia i limiti di sopravvivenza della biosfera – sono stati oltrepassati. Siamo adesso oltre i limiti: del Cambiamento Climatico; della Velocità di Estinzione delle Specie Viventi; del Ciclo dell’Azoto e, parzialmente, oltre il limite del Cambiamento d’Uso della Terra.
Di questo passo supereremo agevolmente anche i 5 Limiti restanti (Ciclo del Fosforo; del Flusso Geochimico; dell’Utilizzo globale dell’Acqua; dell’Inquinamento Chimico; dell’Acidificazione degli Oceani) e il disastro globale sarà compiuto interessando già le generazioni se non dei nostri figli, dei nostri nipoti.
Bisogna invece, e al più presto, misurarsi con i limiti fisico-chimici e biologici dell’ecosistema terrestre.
Stringendo il focus sul suo ambito d’elezione, il settore agrolimentare, Mauro Balboni – ne Il Pianeta Mangiato. La guerra dell’agricoltura contro la Terra – osserva come già oggi il mercato del cibo sia incompatibile con il nostro pianeta e che a mangiare regolarmente siamo solo in 6 miliardi e mezzo. Entro 35 anni, si nutriranno quasi 10 miliardi di persone, in un clima cambiato. Appare quindi molto poco probabile che si possa continuare a produrre le stesse cose così come ora e negli stessi posti.
Ma quali sono le alternative?
Siamo sicuri che la rincorsa di noi consumatori agiati a un’alimentazione naturale (o più naturale) non corrisponda già a un mito di ieri?
Quanto siamo consapevoli della portata dell’agrodisastro nel suo complesso?
E quanti conoscono esattamente il ruolo che il nostro cibo esercita nella corsa a tale disastro?
Sono, questi, soltanto alcuni degli interrogativi che Balboni affronta nel suo libro, una storia non convenzionale della produzione del cibo, vista dalla prospettiva – anche storica e antropologica – dei suoi paradossi e dei suoi danni collaterali.
Forte di 32 anni di professionalità d’alto livello e di una straordinaria padronanza dei dati pertinenti, l’autore cerca di spiegare a che punto siamo arrivati nel rapporto conflittuale tra il nostro cibo, noi stessi e la Terra. E perché ci siamo arrivati. Per farlo, sfata miti e mitologie, quali la bontà dell’agricoltura, l’intoccabilità della tradizione contadina e la retorica del buon tempo andato, secondo cui il cibo deve continuare a essere naturale; e più caro possiamo pagarlo, più lo pretendiamo naturale e tradizionale. Dimenticando che, a tutti gli effetti, dopo l’invenzione dell’agricoltura non c’è più stato cibo naturale.
Nell’odierno dibattito sul cibo, però, ci si ostina diffusamente a guardare al passato, compresi i giganti dell’agro-industria che ostentano ottimismo nei confronti di un mercato sempre e comunque capace di autoregolarsi (nel caso, attraverso i protocolli di “sostenibilità”, opportunamente pubblicizzati in spot dove si sprecano i richiami all’improponibile – perché, come detto, in sé mai esistito –, ma accattivante, concetto di “agricoltura naturale”).
È invece assai probabile che la produzione del cibo sarà molto diversa da quella conosciuta finora. Università e start-up companies di giovani pullulano di ottime idee che vanno esplorate – le proteine derivate da insetti o sintetizzate in laboratorio; la ridefinizione delle monocolture verso il concetto di campo coltivato multifunzionale e, ancora più in là, verso quelli di permacoltura e agroecologia; le calorie edibili dagli ecosistemi naturali o semi-naturali ricostruiti.
Fantastiche sfide di innovazione che non possono non essere politiche e coinvolgere i governi. Poiché non sarebbero sufficienti le scelte virtuose volontarie (se e quando effettivamente ci sono) unicamente da parte di consumatori e industria.
Quello che abbiamo fatto per più di 10.000 non è più replicabile.
Prima di rimanere senz’acqua e senza terra fertile, dobbiamo ripensare il cibo in modo diverso.
Franca, a tratti scarnificante, quella di Balboni è un’investigazione e, insieme, una testimonianza sui motivi dell’attuale stato dell’arte nonché un invito all’intera collettività – decisori in primis – a ricercare soluzioni condivise e inclusive, nell’enorme sforzo di adattamento che sarà richiesto per raggiungere la sicurezza alimentare globale nel mondo di domani.
Il Pianeta Mangiato non restituisce un senso di sterile catastrofismo piuttosto invoglia a che ciascuno assuma su di sé la sua parte di responsabilità per la salvaguardia della Terra, pianeta, malandato e bellissimo insieme, che accoglie l’uomo da millenni.

Hanno detto:
La diagnosi di Balboni è terrificante e riecheggia l’amara riflessione di Konrad Lorenz ne Il declino dell’uomo: «La nostra civiltà non è protetta da alcun meccanismo finalistico predeterminato e insito nel divenire dell’Universo. Dobbiamo guardare in faccia questa realtà e avere ben chiaro che la responsabilità di salvare la civiltà tocca all’uomo stesso». […] Balboni non ha – come nessuno, probabilmente – la ricetta della salvezza. Di una cosa, però, è certo: l’intera biosfera è talmente interconnessa alle attività umane, da non essere più il tempo delle soluzioni individuali. […] O ne usciamo tutti insieme, tutte e 10 i miliardi di persone, quante presto saremo, o non ne uscirà nessuno.

Felice Modica – Libero Quotidiano

La Terra è un pianeta. […] È il nostro mondo, il solo che abbiamo a disposizione per vivere, il solo che possediamo, anche se in realtà non si può trattare di vero e proprio possesso, visto che in effetti ce l’hanno dato in prestito i nostri posteri, mentre i nostri figli ce lo hanno affidato affinché quando sarà il loro momento possano beneficiare anche loro della sua bellezza. O di quel – poco, par purtroppo di vedere – che ne rimarrà, se continuiamo a violarlo […] Il volume di Balboni, che parla con assoluta ed evidente cognizione di causa, chiaro, denso, profondo, pieno di dati, fa riflettere, capire, lascia sgomenti, pone domande, propone soluzioni. Da non perdere. A meno di voler continuare a nascondersi dietro a un dito e non guardare in faccia la realtà.

Convenzionali WordPress

Mauro Balboni (Bolzano, 1958), laureatosi in Scienze Agrarie all’Università di Bologna, è stato dirigente di livello internazionale nell’industria agroalimentare per oltre trent’anni. Si è occupato sia di ricerca & sviluppo sia di policy governative, muovendosi in specie tra Austria e Inghilterra. Oggi vive in Svizzera.

Titolo: Il pianeta mangiato. La guerra dell’agricoltura contro la terra
Autore: Mauro Balboni
Prezzo copertina: € 18.00
Editore: Dissensi
Data di Pubblicazione: marzo 2017
EAN: 9788896643822
ISBN: 8896643821
Pagine: 320

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *