Il comandante e la cicogna


A cura di Silvio Danese

Una favola sull’Italia, divertente e surreale
La cicogna, che elimina le serpi, è simbolo di virtù ritrovata. In montagna a recuperare la pennuta amichetta Agostina ci arriva il tenero 13enne Elia (Dirodi), accompagnato dall’obeso fustigatore di costumi Amanzio (Battiston) e dall’artista stralunata Diana (Rohrwacher). Li raggiunge, preoccupato per la fuga del figlio, l’idraulico Leo (Mastandrea), alla fine di dolori familiari, fatiche quotidiane e ordinarie corruzioni in una città cinica, disonesta, truffaldina, dalle cui piazze le statue dei fondatori Garibaldi, Verdi, Leopardi, commentano il degrado e il fallimento della nazione. C’è anche un fantasma, la moglie deceduta di Leo (Germi) che ogni notte fa il punto col marito.
Opera numero 9 dell’autore di “Pane e tulipani”, è una commedia morale, venata di moralismo, in cerca di equilibrio (centrato nell’ultima parte) tra la favola di denuncia e la cronaca sociale, tra Zavattini e Loach (sceneggiatura di Leondeff, Pettenello, Soldini). Avrà successo, mentre i giornali scrivono che il malaffare costa 60 miliardi l’anno.
Cast gagliardo e affiatato. Regia in cerca di volo. Musicale. Romantico

Titolo originale: Il comandante e la cicogna
Nazione: Italia, Svizzera, Francia
Anno: 2012
Genere: Commedia
Durata: 108′
Regia: Silvio Soldini
Cast: Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher, Claudia Gerini, Giuseppe Battiston, Luca Zingaretti, Maria Paiato, Michele Maganza, Serena Pinto, Shi Yang, Luca Dirodi, Giselda Volodi, Giuseppe Cederna, Fausto Russo Alesi
Produzione: Lumière & Company, RSI-Radiotelevisione Svizzera, Ventura Film
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Data di uscita: 18 Ottobre 2012 (cinema)
Trailer:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *