Hermann Rauschning – Colloqui con Hitler 3


A cura di Renzo Montagnoli

La coscienza è un’invenzione degli ebrei. E’ come la circoncisione, una mutilazione dell’uomo.”
Noi poniamo termine al cammino sbagliato imboccato dall’umanità.”
Non esiste la verità, né in senso morale né in senso scientifico.”

Sono alcune delle massime che Hitler produceva a getto continuo, lapidarie, incontrastabili a meno che il loro creatore le facesse decadere con altre, una filosofia – ma il termine è esagerato – spicciola, frutto non tanto di un complesso processo di pensiero, quanto di improvvisazioni o di folgorazioni di cui tanto amava compiacersi.
Hermann Rauschning, membro del partito nazionalsocialista e capo del governo della Città libera di Danzica nel 1933-34, ebbe, per gli incarichi ricoperti, l’opportunità di colloquiare sovente con Hitler e annotò questi dialoghi, per poi riprenderli, una volta rotto con il nazismo e riparato all’estero, e scrivere un libro che fu pubblicato per la prima volta in Francia nel 1939. Per quanto ovvio, l’opera fu proibita nei paesi dell’Asse.
Pur con le riserve che possono derivare dal fatto che questi incontri con il Fuhrer avevano un carattere per lo più privato e che quindi non è possibile un riscontro diretto con quanto scritto, l’opera in sé costituisce un ulteriore prezioso tassello nella ricostruzione della figura del piccolo caporale austriaco.
Non è un caso se ho ricordato l’esperienza militare di Adolf Hitler, perché fa parte della sua vita, qui non raccontata, prima di diventare fondatore del grande Reich. Militare di truppa, pittore di trascurabili qualità, una famiglia di modeste condizioni, con il peso di un padre nato illegittimo e con ascendenti probabilmente di razza ebraica, insomma Hitler non aveva molto di che esser contento per i suoi trascorsi e probabilmente un desiderio di riscatto, del tutto legittimo in verità, lo portò a cercare di raggiungere una posizione preminente. Tuttavia questo non spiega a sufficienza l’ascesa di un uomo dallo smisurato senso di onnipotenza e dalla latente profonda frustrazione, sempre pronta a esplodere, nell’eterno contrasto fra insoddisfazione e autoconvincimento della propria presunta grandezza.
Il libro, oltre a ricostruire la continua evoluzione delle teorie naziste, è una fonte valida per comprendere questo contrasto caratteriale, fatto di momenti di estasi e di altri di abbattimento, che portano a evidenziare un quadro clinico di notevole complessità comprendente due distinte personalità del tutto inconciliabili.
L’istruzione di Hitler è modesta, quello che apprende gli deriva da “un fai da te”, che finisce con il diventare in una mente così folle l’unica verità. E se non bastasse deve cercare una giustificazione per la sua investitura di guida della nuova umanità, in una confusione di approssimativi concetti religiosi e di vagheggiamenti esoterici, questi ultimi frutto delle idee propugnate dalla Società di Thule (cfr. dello stesso editore Il viaggiatore di Agartha).
In una ridda di controsensi, inevitabili in un continuo sdoppiamento della personalità, fra alti esaltanti e bassi paurosi, possiamo così leggere l’evolversi della scalata al potere di Adolf Hitler e i prodromi di quello che avverrà da lì a pochi anni: una guerra mondiale sanguinosa, l’olocausto, l’eliminazione di milioni di cittadini sovietici, la distruzione della Germania, la fine del Fuhrer a Berlino nel bunker della cancelleria. Tutte queste sciagure sono facilmente prevedibili se si leggono con attenzione questi colloqui, più che altro monologhi del dittatore, perché è evidente, non è nemmeno nascosta la vocazione nichilista a un crepuscolo non tanto di dei, ma di folli e illusi superuomini.
La lettura, appassionante, è senz’altro raccomandabile.

Titolo: Colloqui con Hitler. Le confidenze esoteriche del Führer e i suoi piani per la conquista del mondo
Autore: Hermann Rauschning
Curato da: Baiocco A. M.
Editore: Tre Editori
Prezzo: € 14.46
Collana: Tre sotterranei
Data di Pubblicazione: 1996
ISBN: 8886755007
ISBN-13: 9788886755009
Pagine: 280
Reparto: Politica e società > Politica > Ideologie politiche > Fascismo e Nazismo

Hermann Rauschning (7 agosto 1887 – 8 febbraio 1982).
E’ stato un conservatore e reazionario, membro del partito nazista, capo del governo della Città Libera di Danzica dal 1933 al 1934, anno in cui, non più convinto dall’ideologia, si rifugiò dapprima in Inghilterra e poi negli Stati Uniti. Scrisse Colloqui con Hitler, pubblicato per la prima volta in Francia nel 1939 e poi nell’originale in tedesco dalla Europa Verlag di Zurigo. In Italia venne stampato, clandestinamente, nel 1944, nella traduzione dal francese.
Altre pubblicazioni:
La Rivoluzione del Nichilismo (1939), Make and Break With the Nazis (1941), The Conservative Revolution (1941), The Redemption of Democracy, the Coming of the Atlantic Empire (1941), The Beast from the Abyss (1941), Men of Chaos (1942), Makers of Destruction – Meetings and Talks in Revolutionary Germany (1942), Time of Delirium (1946).

Renzo Montagnoli Sito


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “Hermann Rauschning – Colloqui con Hitler

  • Manlio Tummolo

    Ho a casa, per eredità paterna, un testo abbastanza vecchio dell’opera, allora intitolata “Hitler mi ha detto”. Non vedo “esoterismo” nei discorsi fatti da Hitler: sono le sue solite esternazioni reperibili anche in altre memorie altrui o proprie. Occorrerebbe valutare il personaggio sul piano storico scientifico, e non continuare con le solite fole. Per le sue idee morirono fino all’ultimo un bel po’ di Tedeschi, vecchi e giovani, che pure non lo fecero 25 o più anni prima per Guglielmo II, sebbene fosse stato rappresentante di una ormai plurisecolare dinastia, ricca di vittorie e di successi… Perché ? E’ questo quanto gli storici veri dovrebbero spiegare. Sui vari temi, antisemitismo, razzismo, ecc., bisognerebbe degnarsi di risalire a chi e quando nacquero queste idee che oggi ci ripugnano, ma che non sono poi granché diverse da altre, oggi dominanti, su altri temi ed oggetti. Il fanatismo è sempre negativo, non solo quello hitleriano o tedesco.

    E’ forse meglio ammazzarsi per un pallone, o piuttosto per un’idea ancorché erronea e crudele ?