Graphe.it presenta: Adesso l’animalità di Leonardo Caffo


Leonardo Caffo scrive per la Graphe.it edizioni un breve e ambizioso saggio Adesso l’animalità, collana Parva, per affrontare un problema di enorme rilevanza filosofica: la “questione animale”.
L’autore pone delle domande essenziali: Che cos’è l’animalità? Cosa vuol dire essere animali prima che umani? E cosa abbiamo fatto agli animali per pensarci come altro da loro?
Domande apparentemente semplici manifestano una accurata analisi, in tutta la sua problematicità. L’umano si è pensato, da sempre, come in opposizione all’animale rimanendo, tuttavia, “innanzitutto e perlopiù” un animale.
Attraverso l’analisi di due paradigmi diversi, quello di René Descartes e di Martin Heidegger e quello di Jacques Derrida, Leonardo Caffo ripercorre la storia di un’idea, di un concetto … e di un sogno che si caratterizza come un “necessario paesaggio morale per il futuro”.
Quello che abbiamo fatto agli animali, non è solo gravissimo, ma è eterno. Creiamo la vita per distruggerla. Inoltre quello che facciamo agli animali non umani è il fondamento della miseria e ciò che ricerchiamo quando, con altrettanta miseria discriminiamo anche gli animali umani.
Un momento di riflessione, una pausa di vita.

Titolo: Adesso l’animalità
Autore: Leonardo Caffo
Editore: Graphe.it
Collana: Parva
Prezzo: € 5.00
Data di Pubblicazione: Aprile 2013
ISBN: 8897010458
ISBN-13: 9788897010456
Pagine: 48
Reparto: Ecologia e ambiente > Ambiente > Ideologia ambientalista

Leonardo Caffo (Università degli studi di Torino) è membro delLabont: laboratorio di ontologia dell’Università di Torino e Associate Fellows dell’Oxford Centre for Animal Ethics. Dirige la rivista scientifica Animal Studies e collabora, tra le altre cose, conLettera Internazionale e con il settimanale Gli Altri: la sinistra quotidiana. Il suo ultimo libro è La possibilità di cambiare: azioni umane e libertà morali (Mimesis, 2012).
Per la Graphe.it edizioni ha curato la prefazione del saggio Per vivere senza crudeltà sugli animali del beato Tito Brandsma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *