Georges Simenon – Maigret ha paura


A cura di Renzo Montagnoli

Follia singola e follia collettiva
Quarantaduesimo romanzo con il celebre commissario, Maigret ha paura fu scritto in soli 7 giorni durante il soggiorno negli Stati Uniti dell’autore.
Se qualcuno può pensare che l’atmosfera americana e l’influsso dei gialli d’azione degli scrittori statunitensi si siano riflessi nell’opera, dico subito che si sbaglia.
L’atmosfera e l’ambientazione sono tipicamente francesi, della piccola città di provincia, in cui da sempre appare preminente l’attività agricola.
La differenza rispetto agli altri romanzi con Maigret sta invece nella partecipazione del celebre commissario in veste di spettatore, uno spettatore non passivo, ma che, grazie al suo formidabile intuito e all’esperienza pluriennale, giunge a scoprire l’assassino di una serie di delitti inspiegabili che sconvolgono l’abitato di Fontenay-le Comte.
Ma che ci sta a fare così lontano dalla sua Parigi?
Di ritorno da un congresso di polizia tenutosi a Bordeaux decide di fermarsi nella cittadina della Vandea per incontrare il giudice istruttore Julien Chabot, suo vecchio amico dall’Università.
Arriva di sera e già c’è un omicidio, il terzo in pochi giorni, con vittima un ubriacone. I due precedenti hanno visto l’assassinio di un nobile decaduto e di un’anziana e povera levatrice.
Fra i tre delitti non esiste nesso, se non l’arma utilizzata, e cioè un corpo contundente, così che piano piano nel piccolo ambiente di provincia si insinua il sospetto che siano opera di un pazzo. La paura serpeggia, fa istituire dei gruppi di volontari che pattugliano le strade, fa rinascere odi sopiti fra la povera gente e i maggiorenti, fra i quali, soprattutto, i Vernoux, arricchitisi con il commercio di bestiame e diventati nobili grazie a un matrimonio di convenienza.
Il panico, che prende progressivamente piede, è tangibile e non resta immune nemmeno Maigret, i cui timori però rivengono dalla sempre meno remota possibilità che la folla voglia farsi giustizia da sé, che un qualsiasi sospetto diventi agli occhi accecati dall’odio come il colpevole.
Alla fine l’intricata trama si dipanerà e Maigret, senza aver condotto le indagini in prima persona, avrà la certezza di chi è il colpevole.
Giallo atipico, quindi, ma ricco di sfumature, con incisive annotazioni sull’eterno dissidio fra chi ha e non ha, Maigret ha paura avvince per la storia insolita, per le molte verità che affiorano pagina dopo pagina e per la mirabile descrizione dell’ordinaria follia che può travolgere uomini altrimenti del tutto mansueti.
Da leggere, quindi, e questo, più che un consiglio, è una raccomandazione.

Titolo: Maigret ha paura
Autore: Georges Simenon
Traduttore: Daverio R.
Prezzo: € 10.00
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi. Le inchieste di Maigret
Edizione: 2
Data di Pubblicazione: Luglio 2004
ISBN: 884591884X
ISBN-13: 9788845918841
Pagine: 163
Reparto: Gialli > Giallo classico

Georges Simenon, nato a Liegi nel 1903, morto a Losanna nel 1989, ha lasciato centonovantatré romanzi pubblicati sotto il suo nome e un numero imprecisato di romanzi e racconti pubblicati sotto pseudonimi, oltre a volumi di «dettature» e memorie. Il commissario Maigret è protagonista di 75 romanzi e 28 racconti, tutti pubblicati fra il 1931 e il 1972. Celebre in tutto il mondo, innanzitutto per le storie di Maigret, Simenon è anche, paradossalmente, un caso di «scrittore per scrittori». Da Henry Miller a Jean Pauhlan, da Faulkner a Cocteau, molti e disparati sono infatti gli autori che hanno riconosciuto in lui un maestro. Tra questi, André Gide: «Considero Simenon un grande romanziere, forse il più grande e il più autentico che la letteratura francese abbia oggi»; Walter Benjamin: «… leggo ogni nuovo romanzo di Simenon»; Louis-Ferdinand Céline: «Ci sono scrittori che ammiro moltissimo: il Simenon dei Pitard, per esempio, bisognerebbe parlarne tutti i giorni».
Le Centre d’études Georges Simenon et le Fonds Simenon de l’Université de Liège si trovano all’indirizzo: www.ulg.ac.be/libnet/simenon.htm.

Renzo MontagnoliSito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *