Francesca Mazzucato – Romanza di Zurigo


A cura di Renzo Montagnoli

Devo ammettere che a Francesco Giubilei, tuttora il più giovane editore italiano, non manca il coraggio, perché di questa dote, non frequente e spesso fraintesa, ne occorre non poca per pubblicare un cahier de voyage, o quaderno di viaggio, o libro di viaggio comunque lo si chiami. E’ infatti questo un genere che in Italia non ha mai avuto fortuna, a differenza che in diversi paesi esteri. Il lettore medio italiano ama poco viaggiare con la mente, magari prende una guida del Touring, ma poi la dimentica nel corso delle immancabili gite collettive, anche perché un cahier de voyage non è un semplice libretto pratico per orientarsi su cosa andare a vedere, dove dormire, dove mangiare, anzi rifugge da questi consigli spicci perché il suo intento non è di supporto logistico al viaggiatore, non è il Bignami di un paese, bensì è un’opera letteraria che ha l’occhio solo per la cultura. Da noi questi libri sono in genere rifuggiti peggio di quelli di poesia. Eppure sono opere di indubbia validità, ma tanto è la disaffezione per l’autentica cultura di una larga parte dei lettori italiani che questi cahier finiscono con l’essere negletti. Certo Giubilei avrà ben valutato i pro e i contro, e fra i primi il peso non trascurabile è dato dall’autrice,  assai nota che, in questo testo, come poi si vedrà, profonde al massimo le sue qualità letterarie.
Fra l’altro questo libro inizia una nuova collana, intitolata appunto Cahier di viaggio, diretta proprio da Francesca Mazzucato.
Zurigo ai più potrà risultare una meta non particolarmente appetibile, probabilmente secondaria rispetto a Parigi, a Londra o a New York, ma l’autrice ha scelto questa località per compiere un viaggio dell’anima, per proporsi una serie di riflessioni, anche sentimentali, che non sempre sono direttamente collegabili alla meta.
Certo c’è l’omaggio a Joyce, che lì morì e vi è sepolto, uno scrittore che deve avere rivestito un’influenza particolare sulla Mazzucato tanto che la visita della sua tomba finisce con il diventare quasi il suggello della fede di un pellegrino con il proprio santo prediletto.
Peraltro, all’inizio del viaggio da Bologna in vagone letto, il barbone che sul marciapiedi del binario si orina addosso in completa indifferenza rappresenta la fine del quotidiano e l’inizio di quel progressivo distacco dalla realtà materiale che in itinere diventerà un percorso dentro se stessi, con le occasioni offerte da una città in cui muoversi per trarre spunti, far nascere idee, riflettere soprattutto.
C’è tanta cultura in questo libro e non a caso i riferimenti a Joyce, ad Annemarie Schwarzenbach, a Canetti, a Chagall e perfino a Jung sembrano propiziati dalla presenza delle loro ombre in questa città svizzera di impronta tedesca.
Ci sono piccoli spunti, in apparenza insignificanti, abitudini giornaliere con cui l’autrice cerca quasi un dialogo con il lettore, descrizioni che sembrano casuali di edifici, insomma tante pietruzze di un mosaico che non solo riescono a ricreare l’atmosfera di Zurigo, ma vengono a delineare, come nell’opera di un pittore, un quadro culturale che nobilita il libro, che è quasi la fusione di un diario con un romanzo, non di rado espresso con una prosa poetica.
Resta da chiarire il perché del titolo e a questo provvede una piccola nota all’inizio, dove si dice che la romanza è una composizione musicale per voce e accompagnamento, di struttura variabile ma di carattere per lo più sentimentale.
Ecco, in effetti il libro ha il ritmo di un lungo adagio in cui la voce dell’autrice si inserisce con una vena di lirismo,  un violino di cui ancora sento il suono malinconico.
La lettura è vivamente raccomandata.

Francesca Mazzucato è laureata in Lettere e specializzata in Biblioteconomia con un master al Parlamento Europeo. E’ scrittrice, consulente editoriale e traduttrice. Ha pubblicato 16 romanzi, prefazioni, saggi brevi e racconti. Si occupa di erotismo, viaggi, costume, fotografia,  new media e critica letteraria. Studiosa di letteratura marsigliese,  è l’autrice del saggio in formato e-book:”Louis Brauquier, il poeta del mondo meticcio di Marsiglia”, Kult Virtual Press.  Ha scritto per il teatro e tiene regolarmente corsi di scrittura creativa e sui mestieri  dell’editoria. Nel 2003 ha vinto il premio Fiuggi e si è classificata seconda al premio Argentario- Narrativa Donna.
Fra i suoi romanzi più noti, alcuni dei quali tradotti in Francia, Germania, Grecia e Spagna:  “Hot line”, Einaudi, “Relazioni scandalosamente pure”, “Amore a Marsiglia” e “Web cam”, Marsilio, “L’anarchiste” Aliberti, “ Enigma Veneziano”, Borelli  e  “Kaddish profano per il corpo perduto” Azimut, ambientato a Budapest e dedicato al premio Nobel Imre Kértesz. Nel 2008 è uscito un suo racconto nell’antologia “M’ama? Mamme madri matrigne oppure no”, Il Poligrafo, e il romanzo   “Generazione McDonald’s” Marlin editore, da cui è stato tratto uno spettacolo in forma di  reading, Fast Food Elettronico, a cura di Marco Nardini con musiche di To-Bork- Ram, portato con successo in giro per l’Italia.
A Febbraio 2009 è uscita negli Stati Uniti l’antologia “Rome Noir”, per Akashic Books. Contiene racconti dei più importanti scrittori italiani fra cui Lucarelli, Carofiglio, Fois : dell’antologia, di prossima pubblicazione in Italia, fa parte il racconto “Tiburtina noir blues” di Francesca Mazzucato.
Sempre nel 2009 un suo intervento è uscito nel volume “Dai blog ai social network. Arti della connessione nel virtuale. “ , a cura di Mapelli e Margiotta,  Mimesis editore.
Dal 2009 ha creato e dirige la collana “Cahier di viaggio” per le edizioni Historica. Fa parte del Who’s Who in Italy 2009 nella sezione Arte e cultura (ne aveva già fatto parte nel 2006 e nel 2007) . Collabora con magazine come, riviste letterarie, portali come Menstyle.it  Da anni cura lo spazio di recensioni e interviste Books and other sorrows (http://scritture.blog.kataweb.it ) che fa parte dei blog d’autore del gruppo Kataweb-L’Espressso. Sulla sua opera sono state scritte alcune tesi di laurea.  Ha in uscita un testo breve su Marsiglia per questa collana e sta lavorando a un saggio di costume e a un nuovo romanzo.
Vive in una terra di frontiera.
Il blog della collana Cahier di viaggio, da lei gestito
http://cahierdiviaggio.blogspot.com
Cahier di viaggio su Twitter
http://twitter.com/cahierdiviaggio

Renzo Montagnoli Sito

Titolo: Romanza di Zurigo
Autore: Francesca Mazzucato
Editore: Historica
Prezzo: € 12.00
Collana: Cahiers di viaggio
Data di Pubblicazione: 2009
ISBN: 8896656028
ISBN-13: 9788896656020
Pagine: 145
Reparto: Viaggi > Letteratura di viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *