Fino alla fine del giorno di Osvaldo Piliego


Fino alla fine del giorno
pagina 69

siamo mai sentiti liberi, ma liberati solo per poco da un peso che ci trattiene qui, trafìtti come martiri da sensi di colpe che non abbiamo. Consumati dalle storie delle nostre famiglie, dai dolori che non dovrebbero essere nostri.
I feel good dicono i Kinks, e invece noi facciamo il possibile per farci male fino alla fine del giorno.

In strada gli scarafaggi mi salutano con calma, nei lunghi silenzi un’altra città emerge e cammina indisturbata.
Senza le regole del mondo lo invadono. Ogni orifizio è la via che li porta nella nostra vita, sui piatti dimenticati nel lavello, nei cessi delle nostre case.
Lecce nasconde un’altra vita, quella che si muo¬ve sotto, dove la gente pensa ci siano solo i morti, brulica la vita.
Lecce è piena di scarafaggi.
Il veleno non li uccide, il tempo non basta a finirli, la vita dentro di loro è velocissima e da loro si moltiplica.
La gente ha paura, quasi fa attenzione a non pestarli come se la morte di uno possa causare la ritorsione da parte di tutti i restanti.
E un po’ mi stanno pure simpatici perché fanno schifo e se ne fottono, perché fanno gridare le belle signorine in gonna e io adoro le donne spaventate che indossano le gonne. Perché vivono nella merda e non se ne vergognano. Alla fine più che farsi una passeggiata non fanno e a me non disturbano.
E penso che i nostri sotterranei possano na-scondere una civiltà fatta di scarafaggi, una copia anastatica di Lecce in miniatura.

69

Titolo: Fino alla fine del giorno
Autore: Osvaldo Piliego
Editore: Lupo
Prezzo: € 15.00
Collana: Sput. Libri di via
Data di Pubblicazione: Gennaio 2011
ISBN: 8866670022
ISBN-13: 9788866670025
Pagine: 183
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *