Recensioni: Fabio Strinati – Dal proprio nido alla vita


Dal proprio nido alla vita è un poemetto che ho deciso di scrivere incrociando sulla mia strada la scrittura di Gordiano Lupi.
Ho avuto il piacere di leggere per ben cinque volte Miracolo a Piombino, e così, immergendomi a pieno in quella letteratura poetica, profonda, a tratti elegante, a tratti stilisticamente perfetta, ho cercato di prendere in mano la mia penna e di scrivere su carta la mia anima, dopo quelle cinque letture assidue e terapeutiche, che mi hanno profondamente aperto un mondo.
Sfogliando Miracolo a Piombino, pagina dopo pagina, mi rendevo sempre più conto che quello era il libro che avevo sempre desiderato di scrivere. Un romanzo perfetto, un connubio di odori, sapori, stati d’animo e sensazioni, che mi hanno permesso nel mese di settembre, di intraprendere questo viaggio personale, di scoprirmi dentro, non tanto come poeta e scrittore, ma come ragazzo prima, e come uomo dopo.

Fabio Strinati

Ho voluto inserire la premessa al libro Dal proprio nido alla vita, scritta dallo stesso autore, per far comprendere come nasce questo piccolo libro di prosa poetica.
Mi dolgo di non aver letto Miracolo a piombino di Gordiano Lupi, perché non posso penetrare nel fondo il pensiero di Strinati, ma conoscendo la sensibilità di Lupi posso immaginare ciò che è scattato nell’intimo dell’autore per dar vita a questo piccolo libro che induce a riflettere sul percorso dell’esistenza.
Esordisce così Fabio Strinati: “Ho sempre desiderato essere una rondine”, rondine come simbolo di migrazione, nel tempo e nello spazio. Un viaggio quello dell’autore che affronta nell’intimo più profondo, il cambiamento che si ha attraversando il percorso non facile della fanciullezza/maturità. Il passaggio del tempo che scorre in tutte le sue intemperie. Nel mettersi in ascolto della sinfonia che la vita scrive sul pentagramma dell’esistenza di ognuno.

e se noi uomini, riuscissimo a capire veramente le nostre
umili origini; figli del fuoco, dell’acqua e dell’aria…
che sa cantare la musica del candeliere,
attraverso quei suoni antichi, tipici
delle danze e degli spiriti delle anime passate,
noi, potremmo capire moltissimo
del nostro passato,
attraverso la conoscenza del nostro presente in movimento.

Una metafora, quella della rondine, che nella migrazione attraversa momenti di sconforto e mentre percorre le stagioni della vita si inciampa in quella in cui ci si sente inadeguati, ci sono radici da sradicare anche se forti e profonde perché piantate da troppo tempo e cresciute troppo in fretta.

Un giorno, ricordo che c’era un sole che sembrava
essere più grande del solito,
e seduto sopra il solito scoglio, dialogavo tra me e me
come fanno spesso, quei malanni
che hanno piantato le loro radici forti, fin dai tempi dell’infanzia.

Eppure nonostante le intemperie del tempo che scorre, c’è sempre un raggio di luce che torna a illuminare il cammino.

Vorrei essere una rondine.
Una di quelle rondini che sanno affrontare la vita.

Perché, tutto ciò che conta, è la vita!

La rinascita dopo la tempesta per continuare il percorso della vita, più forti di prima.

Volare è un po’ come sognare,
e sognare è un po’ come volare!

(…)

Un uomo deve poter camminare con le sue gambe
per poter capire i luoghi.
Un uomo deve saper ascoltare con le proprie orecchie
per poter capire i consigli che gli vengono trasmessi.
Un uomo deve poter vedere coi propri occhi
per poter capire ciò che lo circonda.
Un uomo,  deve essere uomo per poter vedere dentro di sé.

La maturità dell’essere umano sta nel prendere consapevolezza del proprio essere, usare i propri talenti per migliorare le mancanze e raggiungere una conoscenza di sé a trecentosessanta gradi per apprezzare il meglio di ogni piccola cosa o essere che si immette nel nostro cammino. Cadere non è finire, cadere è un punto di partenza per ricominciare!
Dal proprio nido alla vita è un libricino interessante, che consiglio ai più giovani, soprattutto per affrontare al meglio i primi “schiaffi” che si possono ricevere nell’attraversare il cammino incerto e affascinante della vita.

Katia Ciarrocchi
© Redazione Lib(e)roLibro

 

Titolo: Dal proprio nido alla vita
Autore: Fabio Strinati
Prezzo copertina: € 8.00
Editore: Ass. Culturale Il Foglio
Collana: I tascabili
Data di Pubblicazione: novembre 2016
EAN: 9788876066405
ISBN: 8876066403
Pagine: 60

 

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.