Ezio Biuso-Rizzo – Tesoretto Siciliano


A cura di Renzo Montagnoli

Non è infrequente che si viva di impressioni, o che comunque non si possa prescindere dalle stesse. A volte ci si azzecca, altre no, ed è quest’ultimo il caso di Tesoretto Siciliano che, prima di accingermi a leggerlo, immaginavo come un volumetto a uso del turista che intenda visitare la Sicilia e prima desideri avere un’infarinatura della sua storia. E invece non è così, ma è molto di più e penso che possano trarre giovamento dalla sua lettura gli stessi siciliani per sapere da dove sono venuti, come si è evoluta la struttura sociale nel corso dei secoli e il perché di una certa arretratezza economica che, dopo decenni di Cassa del Mezzogiorno, non è ancora stata sanata. Quest’isola è sempre stata una terra di frontiera, preda di diversi contendenti che ambivano a impossessarsene per la sua indubbia posizione strategica. Biuso-Rizzo, l’autore, senza approfondire troppo, riesce a condensarne la storia in modo tale che chi legge può comprendere facilmente e senza la necessità di ricorrere a fonti alternative, perché in quelle pagine c’è tutto quello che serve per farsi un’idea, abbastanza completa, dell’isola.
Dalla colonizzazione greca a quella romana, e poi a quella araba, soppiantata da quella normanna, per approdare a quella spagnola, matura chiaramente l’opinione della trascuratezza dei vari “padroni” per questa terra, mai considerata parte integrante e indispensabile del loro dominio, fatta eccezione per i Normanni, che lì posero le fondamenta di uno stato in una identità geografica che dagli altri era considerata invece una lontana periferia. La dominazione ispanica fece poi regredire la Sicilia a semplice territorio coloniale e proseguì questo atteggiamento anche con i Borboni, l’ultima dinastia prima dell’avvento dei Savoia e quindi dell’unità d’Italia. Resta il fatto che l’averla sempre considerata solo come una terra oggetto di scambio fra regnanti finì con il determinare non solo la mancanza di una forte identità regionale, ma anche una struttura statale debole e spesso vacante. Dal punto di vista economico è sempre stata vista come una zona agricola, ma il fenomeno dei latifondi portò sempre a produzioni modeste, quasi di sussistenza, di cui fece le spese un numeroso proletariato agricolo che, oppresso dalla miseria, nutrì sempre sfiducia nei confronti dei padroni, visti come rappresentanti di un potere feudale. Di conseguenza,  l’assenza di un vero e proprio concetto di stato, fenomeno che è presente tuttora,  è stato ed è il terreno fertile per lo sviluppo dell’attività mafiosa. A questa organizzazione criminale l’autore dedica un intero capitolo con osservazioni e conclusioni che mi trovano per lo più d’accordo e esprimono bene le difficoltà per debellare definitivamente un fenomeno ormai ben radicato.
La storia, però, non è fatta solo di dinastie e di eventi, ma anche di cultura ed ecco che allora ci son ben tre capitoli dedicati all’arte, alla musica e alla letteratura. Se, come mi sembra di aver compreso, le prime due non sono state produttive di nomi prestigiosi – per quanto tuttavia non sia possibile dimenticare il barocco siciliano e le opere di Vincenzo Bellini – ,  la terza è invece di notevole rilievo, visto che vi sono autori che esulano ampiamente il ristretto spazio regionale e che ormai sono considerati dei classici, conosciuti in tutto il mondo. Capuana, Verga, Pirandello, Rapisardi, Martoglio, Tomasi di Lampedusa, Quasimodo, Sciascia, Bonaviri,  Camilleri –  per brevità ne ometto molti altri di rilievo – hanno donato a quest’isola, ma soprattutto alla cultura opere che lasciano il segno, romanzi e poesie indimenticabili. Questa terra, arretrata, emarginata, quasi soffocata dalla mafia, ha nella letteratura degli autentici tesori e non sembra stanca di produrne di nuovi, quasi si trattasse, e forse lo è, di una scuola, in cui il rapporto fra uomo e natura, fra materia e spirito, nell’impossibilità di una verità assoluta, segue una ferrea logica narrativa, secondo un processo di elaborazione filosofica di altissimo livello.
Concludono l’opera delle utili tavole sinottiche, a carattere informativo, affinché il turista  sappia cos’altro visitare.
Tesoretto siciliano è un autentico scrigno di conoscenza e quindi la lettura è senz’altro raccomandabile.

Ezio Biuso-Rizzo è nato a Adrano nel 1960 e ivi risiede. Dopo la Laurea in storia e filosofia (1985) ha partecipato ai concorsi a cattedra, ottenendo quattro abilitazioni all’insegnamento. Al lavoro scolastico accompagna una intensa attività di ricerca nel campo delle scienze sociali, della filosofia della scienza e delle attività cinematografiche.
Questi interessi sono confluiti nella pubblicazione di numerosi articoli su riviste specializzate e in alcune pubblicazioni tra le quali: “Dalla fine dell’urbanistica alla civiltà della crisi” (Aesse Edizioni, Santa Maria di Licodia 1997), “Cultura e società” (Aesse Edizioni, Santa Maria di Licodia 1999), “Manuale ragionato del Mondialismo” (Aesse Edizioni, Santa Maria di Licodia 2006).

Renzo MontagnoliSito

Titolo: Tesoretto siciliano. Compendio storico-culturale regionale
Autore: Ezio Biuso-Rizzo
Editore: Solfanelli
Prezzo: € 14.00
Collana: Faretra
Data di Pubblicazione: 2010
ISBN: 888975673X
ISBN-13: 9788889756737
Pagine: 204
Reparto: Storia > Storia regionale e nazionale > Storia d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *