ENRICO BRACCO – Quiet Man


A cura di Giuseppe Maggioli

ENRICO BRACCO – Quiet Man – (Auand Records).
Non chiamatela musica strumentale il viaggio ‘onirico’ del bravo chitarrista Enrico Bracco! Ma una sontuosa trascrizione di jazz contemporaneo: un facile connubio tra ispirazioni black, ritmiche funk e attitudini jazz-groove. La miscela esplosiva si inoltra all’interno di un idioma afroamericano con tante piccole esposizioni. Dieci tracce che si ascoltano gradevolmente fra i dedali morbidissimi di brani come Childhoom Lost a intense contaminazioni indie (Lionel). Tutte le composizioni portano la firma elegante di Bracco che si avvale anche di un ottimo quintetto con al sax il superbo Daniele Tittarelli, un’ottima sezione ritmica (Luca Fattorini al basso e Enrico Morello alla batteria) e dal sensibile Pietro Lusso al piano che cesella ogni brano con interventi giusti e opportuni. In questo Quiet Man il chitarrista romano riesce a fondere la sue varie influenze con un suono brillante e pieno di melodie aperte come nelle solari Play Or Rest e The Bad Guys Band o nelle methyniane Alis 3 e La via di Adamo rivolte ad un pubblico più vasto. Il suo stile rotondo e morbido parla chiaramente di jazz ma si afferma anche con architetture modali, libere di arrivare ovunque. Da assaporare di sera con le luci soffuse stringendo tra le mani un bicchiere di Macallan da sorseggiare e da gustare.

Giuseppe Maggioli


Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *