In libreria: Donne dentro di Monica Lanfranco


Da domani 19 gennaio 2018, in libreria:”Donne dentro. Detenute e agenti di polizia penitenziaria raccontano” di Monica Lanfranco

Per la prima volta, le donne che vivono in vario modo all’interno del carcere raccontano la loro vita, accomunate dall’esperienza di vivere, per motivi diversi, per l’intera giornata o buona parte di questa, all’interno di un istituto carcerario.
Un diario di viaggio tra le carceri di Genova, Milano, Pozzuoli, Roma, Sollicciano, Venezia e Verona degli anni Novanta che non trova paragoni ancora nella letteratura italiana.
Monica Lanfranco ha raccolto la voce delle donne che vivono e lavorano all’interno delle carceri: detenute, agenti, volontarie che hanno narrato la vita quotidiana, il lavoro, la discriminazione, le difficoltà, l’amore, la solitudine, l’idea di futuro a partire da una realtà così difficile e dolorosa.
Ne è nato un libro che disegna senza interferenze le parole, i progetti e il cambiamento di queste attrici della scena del carcere, forse l’istituzione più rimossa dalla nostra cultura.
Tra le pagine del libro, le immagini della fotografa Nanda Lanfranco.

Titolo: Donne dentro. Detenute e agenti di polizia penitenziaria raccontano
Autore: Monica Lanfranco
Prezzo copertina: € 14.00
Editore: Settenove
Collana: Lo scellino
Data di Pubblicazione: gennaio 2018
EAN: 9788898947300
ISBN: 8898947305
Pagine: 120

Monica Lanfranco è giornalista indipendente, femminista, blogger di «Micromega» e del «Fatto Quotidiano», scrittrice e formatrice su differenza di genere, sessismo, comunicazione e conflitto. Nel 1994 fonda il trimestrale «Marea». Dal 2013 gira l’Italia con la piéce teatrale Manutenzioni, uomini a nudo, primo laboratorio italiano per uomini contro la violenza tratto da Uomini che odiano amano le donne. Nel 2016 è uscito Parole madri. Ritratti di femministe: narrazioni e visioni sul materno.

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.