Citazioni: Donna Tartt, Il cardellino


Citazioni tratte da: Il cardellino di Donna Tartt

Il denaro non rappresenta altro che l’energia delle cose, capisci? E’ la traccia che la fortuna si lascia dietro il suo passaggio

Hobie viveva come un grande mammifero marino nel suo placido ecosistema, in una casa dove ogni orologio non andava d’accordo con gli altri e il tempo scorreva secondo traiettorie serpeggianti, seguendo solo il proprio torpido tic tac, regolato dal ritmo di quell’ambiente isolato, saturo di antichità, tra le chiazze marrone scuro del tè e del tabacco, lontano anni luce dalla versione posticcia e industriale del mondo.

Puoi guardare un’immagine per una settimana e poi non pensarci più. Oppure puoi guardare un’immagine per un secondo e poi pensarci per il resto della vita.

E se… se fosse più complicato di così? Se fosse vero anche il contrario? Perché se è vero che il male può discendere dalle buone azioni… dove sta scritto che da quelle cattive può venire solo il male? Magari a volte – il modo sbagliato è quello giusto? Magari prendi la strada sbagliata e ti porta comunque dove volevi? O vedila in un altro modo, certe volte puoi sbagliare tutto, e alla fine viene fuori che andava bene?»
«Non sono sicuro di capire dove vuoi andare a parare.»
«Be’ – devo dire che io personalmente non ho mai tirato una linea così netta tra “bene” e “male” come fai tu. Per me, spesso quella linea non esiste. Le due cose non sono mai separate. Una non può esistere senza l’altra. Finché agisco mosso dall’amore, sento che sto facendo del mio meglio.

E se fossero proprio la nostra cattiveria e i nostri errori a decidere il nostro destino e a condurci al bene? Se per alcuni di noi non esistesse un altro modo per arrivarci?»
«Per arrivare dove?»
«Vedi di capirmi, quando dico “Dio” intendo semplicemente una logica a lungo termine che noi non siamo in grado di decifrare. Come un’enorme massa d’aria che si muove lentamente e si avvicina a noi da lontano, spingendoci a caso, tipo…» fendette l’aria, per imitare una foglia trasportata dal vento. «Ma… forse non così a caso né in modo così indiscriminato, in fin dei conti, se mi segui.»

Le coincidenze sono solo il modo che Dio ha scelto per restare anonimo

… le cose buone non entrano spesso dalla porta sul retro?

… a volte devi perdere per vincere

Alle immagini che ti colpiscono cuore e lo fanno sbocciare come un fiore, immagini che ti aprono a una bellezza talmente grande che puoi passare tutta la vita a cercarla senza più riuscire a trovarla.

La distanza tra il desiderio e la sua assenza, tra il provare interesse per qualcosa e non provarne affatto.

La bellezza cambia la venatura della realtà

Perché, se sono i nostri segreti a definirci, e non il volto che mostriamo al mondo, allora il quadro era il segreto che mi elevava al di sopra della superficie dell’esistenza e mi permetteva di conoscermi per quello che sono. Ed è là: nei miei quaderni, in ogni pagina, anche se non c’è. Sogno e magia, magia e delirio. La Teoria dei Campi Unificati. Un segreto a proposito di un segreto.

E per quanto mi piacerebbe credere che ci sia una verità dietro l’illusione, mi sono convinto che non c’è alcuna verità dietro l’illusione. Perché, tra la “realtà” da un lato, e il punto in cui la mente va a sbattere contro la realtà, esiste uno spazio sottile, uno spicchio d’arcobaleno da cui origina la bellezza, il punto in cui due superfici molto diverse tra loro si mescolano e si confondono per procurare ciò che la vita non ci dà: e questo è lo spazio in cui tutta l’arte prende forma, e tutta la magia.

Titolo: Il cardellino
Autore: Donna Tartt
Prezzo copertina: € 20.00
Editore: Rizzoli
Collana: Scala stranieri
Traduttore: Zilahi De’ Gyurgyokai M.
Data di Pubblicazione: marzo 2014
EAN: 9788817072380
ISBN: 8817072389
Pagine: 892

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *