Domenico Guzzo – La Morte fra la Piazza e la Stazione


A ura di Renzo Montagnoli

Nella storia del nostro paese c’è stato un periodo, che va dal 12 dicembre 1969 al 2 agosto 1980, in cui la vita era diventata un optional. Uscivi per andare al lavoro nel timore di non fare poi ritorno a casa, la nazione viveva poi in una specie di stato d’assedio, con frequenti attentati, esecuzioni mirate in pieno giorno, insomma una sorta di incubo che accompagnava le giornate. Già allora si parlava di eversione nera e di eversione rossa, di un terrorismo che sembrava perfino protetto in alto loco. Tutto è iniziato quel 12 dicembre 1969 con l’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano ed è finito a Bologna il 2 agosto 1980 con un’autentica strage nella stazione ferroviaria.
Ci sono immagini che non potrò mai dimenticare, macerie avvolte in una nube di polvere, le urla dei feriti, lo strazio dei morenti, cittadini semplici come noi, in attesa di partire per le vacanze o dell’arrivo di congiunti in quel caldo agosto del 1980.
Ebbene, al di là di quanto accaduto in quel tragico periodo, senza voler nemmeno pensare all’orrore, ciò che sgomenta di più è che nessun colpevole è in galera, finendo con l’avvalorare le ipotesi che allora la gente comune formulava e cioè di una strategia della tensione, in cui un unico burattinaio muoveva a suo piacimento sia i terroristi neri che quelli rossi.
Sono passati quasi ventotto anni da quel 2 agosto 1980, dalla fine di quella scia di delitti e oggi ancora sappiamo ben poco.
Per fortuna che è uscito questo bel libro di Domenico Guzzo, un’opera per certi versi straordinaria e indispensabile per ricordare affinché certe cose non accadano più e per approfondire il discorso, le ricerche, per fare un po’ più luce in una buia verità.
L’autore è riuscito a scrivere un saggio di notevole completezza e ben strutturato organicamente.
Infatti nulla è stato trascurato e il quadro che ne risulta delinea una situazione sotto tutti gli aspetti possibili, dalla politica di quegli anni dell’egemone americano, alle culture politiche di destra e di sinistra, alla storia dei gruppi armati, agli studi di caso, alle conclusioni e perfino a due illuminanti interviste ad altrettanti magistrati.
Ne risulta un testo di grandissima qualità, indispensabile sia per conoscere quel periodo sia per mettere mano ad altri studi sullo stesso.
Non manca proprio nulla, nemmeno pagine dedicate al fallito golpe di Junio Valerio Borghese oppure a una trattazione incisiva ed esauriente del sequestro di Aldo Moro.
Alla fine della lettura non c’è da attendersi la notizia clamorosa, tanto per intenderci quella che fa il nome o i nomi delle menti di questa folle strategia, perché questo è tuttora impossibile, per quanto, soffermandoci sui vari punti, qualche idea abbastanza plausibile può essere fatta, anche se si tratta ancora di ipotesi non verificabili, anzi temo che mai si potrà sapere con certezza nemmeno fra un secolo.
Tuttavia, per chi ha vissuto quel periodo e per chi invece non era ancora nato, questo libro rappresenta una provvidenziale fonte di conoscenza.
E proprio per questi motivi non solo è opportuno, ma è addirittura indispensabile leggerlo.

Titolo: La morte fra la piazza e la stazione. Storia e cultura politica del terrorismo in Italia degli anni ’70
Autore: Domenico Guzzo
Editore: Agemina Edizioni
Prezzo: € 18.00
Collana: Paesi, fatti, personaggi. La storia
Data di Pubblicazione: 2008
ISBN: 889555504X
ISBN-13: 9788895555041
Pagine: 248
Reparto: Politica e società > Politica > Fenomeni terroristici

Leggi L’intervista a Domenico Guzzo

Domenico Guzzo nasce a Losanna (Svizzera) nel 1982 da una famiglia di emigrati meridionali, e cresce in un piccolo villaggio del basso Cilento. Trasferitosi a Forli’, diviene direttore di una piccola pubblicazione a diffusione intrastudentesca e Curatore di un fortunato cineforum universitario. Laureatosi in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna – Sede di Forli’, si occupa dapprima di politiche migratorie comunitarie a Bruxelles, per poi passare alla sezione eventi cinematografici e culturali dell’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia.
“La morte fra la Piazza e la Stazione” è il suo primo libro.

Renzo Montagnoli Sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *